Quotidiani locali

magnacavallo

Beffati i ladri di pannelli solari

Ripresi dalle telecamere, vengono messi in fuga dall’arrivo di carabinieri e vigilante

MAGNACAVALLO. Sorpresi durante il furto, sono stati costretti ad abbandonare tutto e a fuggire a piedi. Il colpo, o meglio mancato colpo, è stato messo a segno ieri notte al parco fotovoltaico di via Cantaboa a Magnacavallo, nei campi al confine con Poggio Rusco.

Parco da 24mila metri quadri di proprietà della società trentina Jer-12 gestito dalla Juwi. I malviventi, approfittando anche della notte e della densa nebbia, sono arrivati davanti al parco fotovoltaico, che tra l’altro si trova in zona piuttosto isolata con furgone.

Hanno tagliato la recinzione e cominciato a smontare pannelli solari. Quello dei pannelli è diventato un tipo di furto su commissione molto popolare: i parchi si trovano su terreni quasi sempre isolati e i pannelli fruttano ancora bene.

Si diceva, i malviventi - dovevano essere almeno quattro o cinque persone - hanno cominciato a smontare i pannelli e a caricarli sul proprio mezzo. Ma il parco è sorvegliato dalle telecamere collegate con la centrale operativa di un istituto di vigilanza privato. L’operatore in centrale ha allertato la guardia di turno che si è precipitata sul posto, dopo aver chiamato i carabinieri. In contemporanea sono arrivate la pattuglia della Radiomobile di Gonzaga e l’auto del vigilante.

I malviventi, vedendo fanali e sirene avvicinarsi, hanno abbandonato tutto, pure il furgone e si sono dati alla fuga a piedi, raggiungendo probabilmente un secondo mezzo lasciato poco distante. Tutta la refurtiva quindi è stata recuperata e restituita alla società proprietaria.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista