Quotidiani locali

Fusione? No, sistemo il municipio

Riqualificata la sede comunale a Magnacavallo. Il sindaco: «Nessun contatto, proseguiamo da soli»

MAGNACAVALLO. Tempo di fusioni nel Destra Secchia, ma non per tutti. Almeno per ora. Da Magnacavallo, infatti, sembra arrivare un segnale in controtendenza. Si sono conclusi da poco i lavori di riqualificazione della sede comunale. Un intervento durato sei mesi che ha portato importanti novità nell’edificio di piazza Marconi.

«Vero, può sembrare una scelta controcorrente - ammette il sindaco Arnaldo Marchetti -. Sul tema matrimoni con i comuni vicini per ora siamo in fase di studio. Osserviamo l’evoluzione, ma per ora non abbiamo contatti». Il cantiere ha portato al recupero di tre stanze che si trovavano in condizioni di degrado e non era utilizzate da tempo. Nei locali troveranno posto la nuova sala giunta, la sede della polizia locale e un ufficio destinato ai servizi sociali. Il costo totale è stato di 50mila euro. L’intervento ha riguardato la posa di nuovi infissi e serramenti. Sostituiti, inoltre, i pavimenti e cambiati gli arredi.

Importanti gli investimenti sul tema sicurezza stradale. Il primo intervento, da 50mila euro, ha portato alla riasfaltatura di via Agnellina. Nuovi asfalti anche per via Brasille, dall’incrocio con la strada provinciale 36 fino al territorio del comune di Borgofranco sul Po. L’importo è stato di 52mila euro. A breve partiranno i lavori per due cantieri chiesti con forza dai residenti. In via Roma verrà posizionato un dosso con attraversamento pedonale all’altezza della caserma dei carabinieri. «La velocità dei mezzi in quel tratto è spesso esagerata - prosegue Marchetti -, i cittadini hanno richiesto contromisure. La proposta è stata votata all’unanimità da maggioranza e opposizione». La spesa, 7500 euro.

In via Fratelli Ferrari verranno realizzate le caditoie per la raccolta delle acque piovane, visto che la strada tende ad allagarsi in caso di temporali. Costo, 10mila euro. «Avremmo potuto fare di più - conclude Marchetti -, se non fosse per il mezzo milione di euro che non possiamo spendere a causa del patto di stabilità».

Matteo Sbarbada

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista