Quotidiani locali

i retroscena  

La diossina di Seveso nei mobili venduti in tutt’Italia

Presentato ieri all'Accademia Virgiliana il libro di Vittorio Carreri "La fabbrica sporca"

MANTOVA. A Meda, quarantun anni fa, si verificò un gravissimo incidente al reattore dell’Icmesa e una nube tossica si prese il circostante territorio: il più inquinato fu quello di Seveso. E a Seveso il disastro venne collegato, quasi gli altri comuni non esistessero. I prodotti industriali e artigianali di Seveso (principalmente mobili) furono eliminati sul posto, mentre quelli di Meda, Cesano Maderno e Desio – anche loro inquinati – poterono essere venduti in tutta Italia e nei paesi arabi. Questo e altro scrive Vittorio Carreri nel libro “La fabbrica sporca” (Editoriale Sometti, 168 pagine illustrate, 13 euro) presentato ieri pomeriggio nella sede dell’Accademia nazionale virgiliana.

Carreri, nel 1976 responsabile del Servizio prevenzione e sanità pubblica della Regione Lombardia, diresse i lavori di bonifica delle zone inquinate dalla diossina. Fu quindi un protagonista di quella vicenda, complessa sotto ogni punto di vista – durante gli anni di piombo e con implicazioni politiche – che scosse l’opinione pubblica mettendo alla ribalta la contraddizione e la collisione tra sviluppo industriale e tutela ambientale. Insieme a Vittorio Carreri, in Accademia virgiliana sono intervenuti lo storico della medicina Giorgio Cosmacini, Eugenio Camerlenghi, Nanni Rossi, Luigi Benevelli, l’editore Nicola Sometti e il sindaco Mattia Palazzi. (scud)
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista