Quotidiani locali

ostiglia

Due corsie a senso unico, al via il progetto sul ponte

L’incarico sarà affidato a un professionista esterno all’Anas. Per poter avviare il cantiere sono già stati messi a disposizione 20 milioni di euro

OSTIGLIA. L’Anas avvia la progettazione per la riqualificazione del ponte sul Po tra Revere e Ostiglia. L'incarico sarà affidato ad un professionista esterno all'ente, ad un esperto di analisi del rischio, attraverso regolare bando pubblico. L'elaborazione del progetto dell'ampliamento del ponte, da consegnare poi al Comitato tecnico del Provveditorato alle opere pubbliche, organismo ministeriale, richiederà alcuni mesi.

Anas e Provveditorato stanno collaborando fattivamente per raggiungere l'obiettivo dell'allargamento della struttura, a due corsie a senso unico, con la trasformazione dell'ex sedime ferroviario (ad oggi inutilizzato) della linea dismessa Verona-Bologna, a corsia stradale.

La conferma è arrivata, ieri mattina, dall'onorevole Marco Carra che sta seguendo passo dopo passo l'iter dell'ampliamento del ponte insieme agli amministratori locali mantovani, da Dino Vurro, coordinatore territoriale Nord-Ovest di Anas, e da Marco Bosio, capo dipartimentale Anas della Lombardia.

«Si tratterà di una progettazione complessa - afferma Vurro - poiché per poter utilizzare il ponte a due corsie a senso unico occorre contemplare tutti gli scenari possibili della viabilità, sia nelle fasi di cantieristica che di attraversamento una volta che la struttura sarà aperta al traffico, sia automobilistico che pesante, nelle nuove modalità di circolazione. Anas affiderà dunque un incarico esterno, ad un esperto di analisi del rischio, tutta la progettazione, che consisterà in un'elaborazione particolareggiata di quello che sarà l'intervento, non solo degli approfondimenti tecnici come richiesto in una prima fase dal Comitato Tecnico».

«Sono particolarmente soddisfatto che finalmente si sia avviata la fase progettuale per trasformare il ponte - dichiara il deputato Carra -, dalla positiva relazione con Anas, e continuerò a seguire passo dopo passo l'avanzamento dell'iter. È molto importante che si stia passando alla fase operativa, anche per offrire una risposta a chi in questi mesi ha pensato che fossimo dinnanzi all'ennesimo inutile tentativo. Proseguiamo nel grande gioco di squadra con gli amministratori locali, che dal referendum di domenica scorsa, per la fusione di Revere, Villa Poma, Pieve di Coriano, ha trovato ulteriore forza».

Il progetto richiederà alcuni mesi e solo in seguito al parere definitivo del Comitato tecnico del Provveditorato alle opere pubbliche, che ha già comunque espresso parere favorevole, si potrà avviare il cantiere per un'opera attesa da decenni, snodo strategico per il collegamento nord-sud. A disposizione, già inseriti nell'aggiornamento del Contratto di programma tra Anas e ministero dei Trasporti, ci sono 20 milioni di euro.



I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista