Quotidiani locali

microcriminalità

Mantova, scatta l’allarme per i truffatori dello smog

Finti tecnici di Arpa e Ats in circolazione anche in città. Cala il Pm10 ma lo stop al traffico continua

MANTOVA. Una nuova emergenza, un allarme salute che può creare preoccupazione soprattutto tra i più deboli e i più fragili, gli anziani, viene subito sfruttata a proprio favore dai soliti truffatori.

La stessa Arpa Lombardia ha girato, anche agli organi di stampa, la comunicazione con cui invita la popolazione a non far entrare in casa persone che si presentano con tesserini di Asl o Arpa, con la scusa di dover controllare il livello di polveri sottili nell’aria del quartiere. E alcune segnalazioni cominciano ad arrivare al nostro giornale anche da anziani residenti in città che si sono visti avvicinare da questa nuova tipologia di ladro: il chimico-imbroglione.

Sembra che in questi giorni i truffatori in circolazione siano due donne. «Queste persone - scrive Arpa in un comunicato - si spacciano per tecnici dell'Arpa o dell’Ats che devono controllare la presenza di polveri sottili all'interno delle abitazioni, ma sono truffatrici che aspettano solo di poter entrare nelle case per rubare. Un tentativo è stato scongiurato ad Albino nei giorni corsi ma le due donne, di giovane età, sarebbero ancora in azione in queste ore anche in altre province.

Per questo Arpa e Ats invitano tutti i cittadini a segnalare tempestivamente alle forze dell’ordine chiunque si presenti a nome di una delle due agenzie. Si raccomanda dunque la massima attenzione e di non far entrare nessun estraneo in casa. Né Arpa né Ats hanno incaricato i propri tecnici ad effettuare simili attività di monitoraggio nelle case dei privati residenti in qualsiasi provincia lombarda».

Il tam tam sta girando anche a Mantova, quindi massima attenzione a non aprire la porta a presunti tecnici. Quelli veri di certo non si presentano a casa a misurare le polveri sottili; esistono apposite centraline di rilievo posizionate lungo le strade.

Intanto, il beltempo e il vento seguiti alla pioggia di domenica, hanno ripulito l’aria dal Pm10. Ieri le cinque centraline dell’Arpa in città (via sant’Agnese e piazzale Gramsci, Bonizzo, Schivenoglia e Ponti sul Mincio) hanno registrato una media di 10.4 microgrammi per metro cubo d’aria. Nonostante il crollo degli inquinanti sotto la media dei 50, il blocco del traffico a Mantova resta. Almeno sino a domani, giorno di controllo, quando i tecnici, valutando i dati delle centraline, decideranno se revocarlo o meno.

Ricordiamo che lo stop vale per i veicoli più inquinanti: dalle 7.30 alle 19.30 per le auto Euro 0 benzina e Euro 0, 1 e 2 diesel, dalle 8.30 alle 18.30 gli Euro 3 e 4 diesel, compresi furgoni e autocarri.
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista