Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Proteste per gli autobus affollati

bus

Genitori sul piede di guerra: «Rivedere gli orari e mettere a disposizione altri mezzi»

CAVRIANA. Bus di Apam affollati di ragazzi, e genitori preoccupati per la sicurezza dei loro figli. La protesta nasce sulle colline moreniche, in particolar modo da un gruppo di genitori di Cavriana.

Il comune morenico è servito dalla linea nota come “dei colli”, la linea 7A. «Non capiamo come sia possibile avere bus che già a Cavriana sono pieni - commentano i genitori - considerando che il bus arriva da Castiglione e deve poi caricare anche a Volta Mantovana, Goito e Marmirolo». Solo a Cavriana, infatti, sono circa 20 i ragazzi e le ragazze che salgono. «Come li abbiamo contati, pensiamo possa farlo anche Apam. Tutti hanno un abbonamento e, dunque, l’azienda può sapere in quanti salgono sul pullman».

I genitori chiedono, dunque, un potenziamento degli autobus. Le corse in questione sono quella delle 6.33 in direzione Mantova e quella di 6.53 in direzione Castiglione. La fermata è quella di via Tezze. «I due bus sono sempre pieni. Se solo a Cavriana salgono in 20 è chiaro che i 50 posti a sedere si riempiono subito e i ragazzi sono costretti a stare in piedi, serrati spesso come sardine, considerando che hanno zaini e borse per la scuola». Il problema della sicurezza è centrale nelle lamentele dei genitori perché, ricordano, «se dovesse succedere qualcosa non osiamo immaginare la situazione. In passato si sono verificati incidenti, l’ultimo a Guidizzolo, dove una parte di bus si è staccata e schiantata contro una casa. Senza scordare i due mezzi andati a fuoco lo scorso anno».

Due settimane fa i ragazzi sono rimasti bloccati a Cerlongo in attesa di un bus sostitutivo che è arrivato solamente alle ore 10. «Per non parlare dei ritardi dovuti al traffico e alla pioggia, ritardi che spesso i ragazzi pagano restando fuori un’ora dalla scuola». I genitori, dunque, chiedono di poter rivedere gli orari e, soprattutto, di poter mettere altri bus al fine di garantire la sicurezza dei ragazzi.