Quotidiani locali

san benedetto po 

Scuola-lavoro: i progetti raccontati al Polirone

SAN BENEDETTO PO. Il Polirone ha accolto sabato mattina i rappresentanti dei circa ottanta studenti del Fermi, Belfiore, liceo d’arte che hanno concluso il progetto di alternanza scuola-lavoro,...

SAN BENEDETTO PO. Il Polirone ha accolto sabato mattina i rappresentanti dei circa ottanta studenti del Fermi, Belfiore, liceo d’arte che hanno concluso il progetto di alternanza scuola-lavoro, partendo dallo studio di alcuni oggetti della collezione etnografica del museo Civico.

Sono stati gli stessi studenti, a nome dei rispettivi gruppi di lavoro, a presentare gli elaborati ai loro coetanei dell’istituto Strozzi di San Benedetto Po, illustrandone l’ideazione e la successiva realizzazione. Daniele Rondini, al quarto anno di elettronica, ha realizzato lo “sgrananote”, mescolando il meccanismo dello sgrana pannocchie con quello del carillon. Utilizzando la stampa a 3D, ha ottenuto un oggetto in plastica biodegradabile con finti chicchi, che diventano interruttori per dare impulso elettrico a tutto il circuito. Amir Takaya, del quinto anno di informatica, ha trasformato due forconi in appendiabiti con base plastica fluorescente, che diventa anche portaombrelli.

Infine Luca Zanni, del quarto anno di informatica, ha rimodernato il gioco della rana, un vecchio gioco d’azzardo delle osterie, inserendo sensori che contano i gettoni e i punti accumulati.

Hanno partecipato all’incontro il sindaco Roberto Lasagna e la conservatrice del Museo Civico Federica Guidetti, che hanno elogiato l’esperienza, nella quale gli studenti hanno ben operato stimolati da alti obiettivi. Un apprezzamento per il lavoro fatto è stato espresso pure dal presidente di Confartigianato Lorenzo Capelli. «Queste esperienze – ha affermato – permettono agli studenti di entrare nelle aziende in modo ottimale, ma sono utili anche per le aziende per un rapido inserimento nel mondo del lavoro». Benché il modello si possa migliorare, secondo Capelli è essenziale tramandare una tradizione che i giovani possano trasformare con la loro progettualità e fantasia.

Oriana Caleffi



TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista