Quotidiani locali

MANTOVA

Trionfano le zucche intagliate e il Lungo Rio si fa arancione

Folla alla festa delle Lumere. Spunta anche una zucca di oltre 450 chili

MANTOVA. Musica, divertimento e, perché no, anche voglia di tornare bambini. Così i mantovani hanno vissuto ieri sul Lungo Rio la festa delle Lumere. Nel pomeriggio l’evento più atteso: l’intaglio in diretta di una zucca di oltre 450 chili realizzato a mano libera dai membri del club intagliatori città di Modena e del Consorzio agrituristico mantovano, presieduto da Marco Boschetti.

La festa è stata inserita nella 21a edizione dell’itinerario gastronomico autunnale “Di zucca in zucca”, che durerà fino all’8 dicembre con corsi di cucina, mostre e feste popolari a cui partecipano 19 aziende agricole mantovane e una cremonese.



Spazio anche ai più piccoli che, tra una visita al mercato contadino e allo street food, hanno dato sfogo alla loro creatività intagliando, con l’aiuto degli esperti, zucche da 2 a 50 chili dando a ciascuna una differente espressione facciale. Le loro piccole opere, decorate e illuminate, contribuiranno a far risplendere il centro cittadino con la loro luce arancione.

La giornata si è conclusa con il lancio dei palloncini colorati. Com’è nata questa festa? «Un tempo, a fine ottobre, le lumere venivano utilizzate come punto di riferimento per la gente di campagna – spiega Boschetti – l’evento ha l’obiettivo di far conoscere e rivivere questa antica tradizione contadina che nulla ha a che vedere con Halloween».

Soddisfazione anche da parte dei venditori e, soprattutto, della gente. «Fa piacere che l’identificazione della nostra provincia con questo prodotto dell’orto sia ancora così sentita e radicata – commentano – Il valore della zucca è anche simbolico e culturale».

Giulia Biumi
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista