Quotidiani locali

Doppia carica di Monicelli L’Anci: c’è incompatibilità

Castellucchio. Il sindaco è anche consigliere della fondazione Villa Carpaneda La difesa del primo cittadino: «Dimesso da presidente prima di candidarmi»

CASTELLUCCHIO. Romano Monicelli rischia di pagare a caro prezzo il suo impegno nella fondazione Villa Carpaneda. Secondo l’Anci, infatti, la carica di sindaco di Castellucchio è incompatibile con il suo ruolo di consigliere della Onlus. E’ quanto si legge in un documento diramato ieri dall’amministrazione comunale di Rodigo, che a giugno, all’indomani dell’elezione di Monicelli a sindaco, si era rivolta all’Anci per sapere se il doppio incarico fosse legittimo.

La risposta degli esperti è lapidaria: «La prefigurata incompatibilità si presenta consistentemente sussistente, pertanto è da rimuovere con le modalità ed entro i termini prescritti dalla legge». Il conflitto tra ruoli nasce dal fatto che Castellucchio fa parte dell’assemblea dei Comuni fondatori di Villa Carpaneda, la stessa che nel 2014 conferì a Monicelli la carica di presidente dell’omonima Onlus. Il caso è stato sottoposto all’attenzione dell’Anci da Gianni Chizzoni, in veste di sindaco di Rodigo e presidente dell’assemblea degli enti fondatori.

Il documento, tenuto riservato per mesi, ieri è stato inviato a tutti gli altri Comuni interessati, ovvero a Curtatone, Porto, Gazoldo, Piubega, Casaloldo, Redondesco, Marmirolo e ovviamente a Castellucchio. Probabilmente non è un caso che il parere dell’Anci sia stato divulgato all’indomani della notizia del cambio di guardia al vertice di Villa Carpaneda, ora presieduta da Luca Mori.

Dal canto suo, Romano Monicelli precisa: «Ho lasciato la presidenza della fondazione prima di candidarmi a sindaco di Castellucchio e da allora sono sempre rimasto nella Onlus come semplice consigliere».

La sua poltrona, però, è rimasta vacante per mesi, perché, come dichiarato all’epoca, Monicelli aveva deciso di fare un passo indietro durante il periodo di campagna elettorale per non trascinare nelle polemiche politiche la Onlus, ma poi, ad elezioni avvenute, avrebbe voluto riprendere in mano le redini di Villa Carpaneda, convinto che i due ruoli non fossero incompatibili. Poi è intervenuto Chizzoni. «Mi ha fatto capire che non potevo tornare al mio posto» ha dichiarato Monicelli un paio di giorni fa.

Ora spunta il parere dell’Anci, che per il momento il primo cittadino di Rodigo non vuole commentare. «Il documento parla da sé» si limita a dire. Poi aggiunge: «Il sindaco di Castellucchio ha lasciato la presidenza, ma è ancora consigliere della fondazione, perciò l’incompatibilità esiste tuttora». Quali saranno le conseguenze per Monicelli? E’ presto per dirlo, poiché nel parere dell’Anci si legge che: «Trattandosi di norme di stretta interpretazione, occorrerà esaminare lo specifico caso».

Rita Lafelli

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista