Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Pinky porta i norcini in piazza

Gran finale con il Lambrusco, la maialata e lo spettacolo di Vito

I norcini in piazza

MANTOVA. Tra degustazioni, laboratori e percorsi animati da attori, volge al termine la prima edizione di Pinky Mantova, festival dedicato interamente al maiale. Oggi, sabato, per la gioia degli amanti del vino, ha preso il via il Palio del Lambrusco.

Dieci cantine di Mantova e Modena hanno presentato i loro prodotti allestendo stand disseminati tra le piazze Canossa, Broletto, Concordia e via Pescheria, dove i mantovani, ma anche tanti turisti, hanno potuto assaggiare il vino che meglio rappresenta il nostro territorio. Con un coupon da 5 euro era possibile chiedere 5 assaggi scegliendo tra due percorsi, nero e rosa. In piazza Canossa, poi, spazio alla tradizione con il laboratorio di norcineria: un’occasione per scoprire l’antica arte del «far su il salame». Una procedura di circa un paio d’ore che ha visto all’opera tre norcini della Confraternita del Salame.

«Abbiamo portato 50 chili di carne – ha riferito Claudio Bordini – Si parte col dividere le parti grasse da quelle magre (il salame è difatti composto all’80% da parti magre) per poi proseguire con la macinazione». Infine la carne è stata condita con sale, pepe e aglio e insaccata. Accanto ai masalin, al lavoro anche il Gruppo cicciolari di Quistello per realizzare le classiche cicciole. «Si usa la carne grassa del maiale che viene scartata quando si scelgono le parti per preparare il salame» ha raccontato Marco dall’Olio. Poi basta versare mezzo litro di acqua in un paiolo ed il gioco è fatto: i pezzi si cuociono nello strutto che producono naturalmente per poi venire pressati in un torchio.



Il festival non ha invaso solo le piazze, ma anche i bar. Dieci quelli che hanno aderito alla manifestazione e ogni locale, che si contraddistingueva da un totem all’entrata, si è specializzato proponendo la degustazione di un prodotto diverso. Dalla pancetta piacentina, al salame, dal prosciutto crudo San Daniele al cotechino col panino. Un’iniziativa che ha soddisfatto clienti e titolari, pronti ad aderire nuovamente il prossimo anno se ci sarà l’occasione. Nel pomeriggio di ieri sono proseguiti poi i talking city, tour con performance di attori alla scoperta della città e dei suoi luoghi, anche nascosti, legati alla cucina e alla gastronomia.

Domani, domenica 5 novembre, dalle 10 alle 20 prosegue il Palio del Lambrusco, e dalle 11 torna in piazza Canossa il laboratorio di norcineria. Alle 12.30 si pranza con “la maialata” preparata dai ristoratori Nizzoli a Ca’ degli Uberti. Alle 15 e alle 17.30 ultimi due talking city alla scoperta del centro storico. Alle 21 andrà infine in scena lo spettacolo del comico Vito “Storie della Bassa” all’Auditorium Campiani di via Conciliazione.

Barbara Rodella