Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Ad inizio 2018 il via ai lavori al municipio

VILLA POMA. La gara d'appalto per assegnare i lavori di ristrutturazione del municipio di Villa Poma è stata aperta. Se tutto andrà come previsto l'intervento dovrebbe partire nei primi giorni del...

VILLA POMA. La gara d'appalto per assegnare i lavori di ristrutturazione del municipio di Villa Poma è stata aperta. Se tutto andrà come previsto l'intervento dovrebbe partire nei primi giorni del 2018. A gestire la procedura è la Provincia, stazione appaltante, e le aziende avranno tempo di presentare le loro offerte fino alle 12 del 27 novembre. Due giorni dopo, il 29, è prevista l'assegnazione alla ditta che si sarà aggiudicata l'appalto.

Il costo dell'intervento ammonta a 459mila euro, finanziati in gran parte dai fondi per la ricostruzione post terremoto. Oltre al contributo statale verranno utilizzati, per arrivare alla somma globale, circa 100mila euro derivanti dalle assicurazioni sugli edifici pubblici e saranno impiegate alcune decine di euro di avanzo d'amministrazione.

L'intervento prevede un consolidamento dell'edificio e un miglioramento del comportamento in caso di sisma, nel rispetto delle prescrizioni della Sovrintendenza, che aveva avallato il progetto dopo varie richieste di modifica. Proprio questi passaggi ai beni culturali avevano causato dei ritardi. Il restauro non si concentrerà solo sulla struttura, ma sugli interni e sugli aspetti estetici, come la ritinteggiatura del palazzo. Mentre il cantiere sarà operativo, gli uffici comunali si sposteranno nella sala polivalente del paese. Il trasloco inizierà già nei prossimi giorni, in modo che tutto sia pronto per l'inizio del prossimo anno.

«Questo intervento – dice il sindaco di Villa Poma, Alberto Borsari – dimostra una volontà di valorizzare il municipio e di non abbandonarlo, dopo la fusione. Infatti la struttura rimarrà aperta per i cittadini e diventerà anche la sede della polizia locale del nuovo Comune. L'intervento è stato fortemente voluto dal paese». (g.p.)