Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Perde la casa e si spara in automobile

Prova a riprendersi l’immobile all’asta, non ce la fa e chiama i parenti: «Mi uccido». Inutile la corsa per salvarlo

COMMESSAGGIO.Tragedia nel primo pomeriggio di martedì 7 novembre a Commessaggio. Un uomo di 57 anni, residente a Curtatone, si è tolto la vita sparandosi nell’auto. La vettura era parcheggiata nel cortile di un’abitazione di sua proprietà. L’allarme è stato dato pochi minuti prima delle 14.30.

L’episodio è accaduto in una casa di campagna. Sull’episodio stanno indagando i carabinieri della compagnia di Viadana, i primi ad accorrere sul posto insieme con i familiari dell’uomo e con la gente di Commessaggio, a partire dal sindaco Alessandro Sarasini. Sono in corso le indagini per stabilire esattamente i contorni della vicenda. Secondo quanto si è potuto stabilire, l’uomo stava attraversando un periodo non facile da punto di vista psicologico a causa di difficoltà economiche. L’uomo si era visto pignorare una delle sue abitazioni, che era finita all’asta. Proprio martedì era in vendita all’asta.

E il 57enne, che era riuscito a raggranellare una somma di denaro, contava di riprendersela. Era certo che ce l’avrebbe fatta, ma non è andata così. Da qui la frustrazione e, secondo quanto riferito da alcuni parenti, ieri accorsi sul luogo della tragedia, anche la decisione di farla finita. L’uomo non avrebbe lasciato alcun biglietto per motivare il gesto. Ma al telefono, parlando con i parenti più stretti, avrebbe riferito l’intenzione di uccidersi. Da qui l’allarme, la corsa disperata dei parenti nel tentativo di farlo recedere dalle intenzioni suicide, o almeno di fermarlo. Ma arrivati nella casa di campagna, che era una seconda abitazione dove l’uomo andava solo saltuariamente, avrebbero udito il colpo.

Nulla da fare per salvargli la vita. Non era rimasto che dare l’allarme al servizio 118 che ha inviato sul posto un’ambulanza. Purtroppo anche per il personale sanitario non c’era più nulla da fare. I carabinieri di Gazzuolo stanno ascoltando i parenti per cercare di capire come siano andate esattamente le cose.