Quotidiani locali

«Bloccati dalle mancate entrate»

Pegognaga, il caso teatro tenda. L’assessore: tra Imu arretrata e canoni del gas avremmo un milione

PEGOGNAGA. Servono 60mila euro per mettere a norma il teatro tenda? «Il Comune di Pegognaga potrebbe avere un milione tondo a disposizione», ribatte l’assessore al Bilancio Daniele Benfatti. Ma se non ha soldi, o comunque non li può impegnare per qualsiasi operazione, aggiunge l’assessore, è colpa di una serie di complicazioni che stanno ingessando i conti del municipio paralizzandone l’attività.

«Da una parte – spiega Benfatti - c’è la questione dell’Imu non versata dai residenti per quelle abitazioni che sono state rese inagibili dal terremoto del maggio 2012». Giusto provvedimento per aiutare gli sfollati: sarebbe stata una beffa dover pagare imposte su una casa che non si può usare. Però, dice l’assessore, «lo Stato si era impegnato a rifondere ai Comuni terremotati il mancato gettito fiscale». E invece nulla è arrivato, almeno per quanto riguarda il periodo che va dal 2012 al 2014.

Altra questione, il contenzioso aperto tra il Comune e la società 2i Rete gas sul versamento del canone per la gestione della rete. Dopo una lunga battaglia legale, qualche giorno fa il Comune ha portato a casa una vittoria in tribunale. Il giudice civile ha deciso che la società versi al Comune 600mila euro.

Ma, a dispetto di quelle che erano state le iniziali previsioni, il Comune non potrà certo incassare la cifra né tanto meno impegnarla, perché la società ha ancora tempo per proporre ricorso «e perché probabilmente si prenderà tutto il tempo per presentarlo». Insomma, niente soldi da spendere per ora. «E quanto al teatro tenda – chiude Benfatti– , sarebbe corretto spendere 60mila euro per sistemare una struttura che useremo al massimo qualche anno?». (f.a.)



TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista