Quotidiani locali

Stalking alla sua ex: a processo

Castiglione. In un solo giorno l’uomo le aveva fatto 320 telefonate

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. È comparso ieri mattina per la seconda volta davanti al giudice. Doveva essere la volta buona per dare inizio al processo che lo vede imputato di stalking. Ma, per un problema di notifica, il processo è stato rinviato al 15 dicembre prossimo. M.F., 37 anni, già agli arresti domiciliari per una serie considerevole di atti persecutori, è più volte intervenuto durante l’udienza presieduta dal giudice Enzo Rosina, che l’ha anche ripreso. Numerosi i testimoni che hanno atteso dalle nove e trenta del mattino ma che dovranno ritornare. I fatti di cui il 37enne è accusato sono avvenuti a Castiglione delle Stiviere tra il gennaio e il maggio di quest’anno. Vittima delle sue violenze la convivente che ha vissuto con lui per sei anni. La situazione si era talmente aggravata che la donna doveva spesso farsi accompagnare a casa o al lavoro dal padre o addirittura dalla polizia locale, anche in orari pomeridiani. Più volte, nel periodo preso in considerazione, si è presentato sotto la casa della donna, minacciandola e offendendola per poi chiederle denaro. Per non parlare dei continui sms dal tenore minaccioso. In un caso l’aveva anche trascinata a casa sua fingendosi ammalato e, una volta arrivata, l’aveva chiusa a chiave in casa bloccando la porta d’ingresso con una sedia, costringendola a consegnare il cellulare. In un giorno è arrivato ad inviarle più di cento sms. In alcuni aveva scritto: preparati al peggio. Geloso, l’aveva anche picchiata e il 1 maggio le aveva fatto 320 telefonate. Nel mirino dell’uomo anche il padre della donna, che in un’occasione aveva anche preso a pugni. L’ex convivente si è ovviamente costituita parte civile. Il processo entrerà nel vivo il 15 dicembre prossimo, con il testimoni dell’accusa.(gol)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista