Quotidiani locali

MARMIROLO 

Donna picchiata dall’ex suocera

Si era presentata a riprendere il figlio. E’ finita all’ospedale

MARMIROLO. Le ha prese di santa ragione dalla suocera, tanto da finire al pronto soccorso con il volto e le braccia pieni di lividi.

È successo sabato pomeriggio a Castiglione delle Stiviere, quando una 45enne che abita a Marmirolo, si è presentata a casa dell’ex compagno per riprendersi il figlio. Là ha trovato la suocera. Le due donne, che da tempo sono ai ferri corti, non hanno perso occasione per riaccendere il fuoco dell’odio condiviso.

A dare inizio alle ostilità la suocera che, stando al racconto della nuora, avrebbe cominciato ad inveire con frasi impronunciabili. Un’aggressione verbale molto violenta che, di lì a poco, si è trasformata in un pestaggio a senso unico. La suocera manesca ha colpito l’ex compagna del figlio con una serie di sberle al viso, pugni alle braccia e con il telefonino sulla testa, tanto da provocarle un trauma cranico. E tutto questo spettacolo edificante sarebbe avvenuto alla presenza del bambino.

Una volta a casa la donna ha raggiunto il pronto soccorso del Carlo Poma di Mantova e si è fatta medicare. Ai medici ha raccontato l’accaduto, ma ora sta a lei decidere se sporgere denuncia o meno nei confronti della ex suocera.

A seguito dell’aggressione la 45enne di Marmirolo ha riportato un trauma cranico e diversi ematomi alle braccia e al volto. Nel avrà per oltre una settimana, salvo complicazioni. I rapporti tra le due donne erano incrinati da tempo.

Motivo del contendere proprio il bambino e il tempo che dovrebbe trascorrere a casa del padre che, durante il giorno lavora e che quindi spesso sta con la nonna. I contrasti, con il passare dei mesi, si sono molto inaspriti al punto da sfociare nelle violenze fisiche descritte.

Non è la prima volta che una suocera aggredisce e picchia la nuora. Ricordiamo quella di Ceresara, balzata agli onori della cronaca per avere seviziato, bastonato, segregato e lasciato senza cibo la moglie di suo figlio.

Un figlio indagato anche lui per maltrattamenti nei confronti della moglie: non avrebbe fatto nulla per impedire quelle violenze. Ora la donna, in attesa del processo, si trova in una comunità gestita da suore nel Bresciano. Là trascorre il suo tempo facendo qualche lavoretto.

La quiete di quella dimora non le ha però impedito di continuare la sua personale guerra contro la nuora e anche contro il figlio: li vuole entrambi fuori dalla sua casa.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista