Quotidiani locali

premiati in friuli 

Il Mantegna al G7 dei giovani

Quattro ragazzi del tecnico primeggiano nella sfida diplomatica

Gli studenti dell’istituto tecnico Mantegna si confermano ancora una volta campioni nella delicata arte della diplomazia, mettendosi in evidenza nei lavori della regional edition del progetto “YounG7”.

Si tratta della simulazione dei lavori del G7 riservata ai ragazzi delle scuole superiori di tutta Italia, andata in scena pochi giorni fa a Cividale del Friuli.

L’istituto superiore mantovano, che ha diversi indirizzi di studio, ha partecipato con quattro studenti, Federica Viviani di III AA, Botaina Habbi di IV AR, Federico Caramori di III AS e Alessandro Bonizzi di IV AR, scelti dalla scuola tramite una selezione interna e accompagnati dal docente responsabile del progetto, il professor Davide Remo Grosso.

A Bonizzi e Habbi è stato assegnato come argomento “Prevention of terrorism”, in rappresentanza della Germania, un tema che negli ultimi mesi è tristemente salito alla ribalta delle cronache.

A Viviani e Caramori, sempre in rappresentanza della Germania, è toccato invece “Management of human mobility”. E i loro sforzi, interamente in lingua inglese, sono stati decisamente apprezzati, tanto che Viviani e Caramori sono stati nominati come migliore commissione nella loro categoria, e parteciperanno ora ai lavori conclusivi del progetto “YounG7”, in programma a maggio 2018 a Catania.

«Durante il model – ha spiegato la professoressa Cinzia Silocchi, tra i responsabili del progetto – gli studenti hanno approfondito temi di norma affrontati dai capi di stato dei sette paesi facenti parte del G7».

« Hanno svolto dunque le attività tipiche della diplomazia - aggiunge l’insegnante - tenendo discorsi, preparando bozze di raccomandazioni e negoziando con altri capi di stato simulati. Complimenti vivissimi a tutti e quattro i nostri studenti per il lavoro svolto».

Nicola Artoni

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista