Quotidiani locali

alimentazione

Dallo chef fitness lo yogurt senza latte

Brevettata la ricetta che usa l’albume d’uovo. Ed è già un successo

ACQUANEGRA SUL CHIESE. Roberto Botturi, cuoco salutista, ha fatto centro: il suo Yoeggs, uno yogurt senza latte, ottenuto dall’albume d’uovo, è sempre più richiesto e la produzione, già a livello artigianale, potrebbe aumentare ulteriormente se dovesse andare a buon fine la ricerca di partner. «Mi sono affidato a un consulente commerciale, perché il progetto sta diventando troppo grande per gestirlo da solo» afferma lo chef di Acquanegra sul Chiese. Ma chi chiede lo yogurt all’albume?

«Ho richieste da tutta Italia - spiega - e sto andando a una fiera a San Marino per esporre e fare degustazioni. Ricordo l’albume è molto usato da chi pratica sport, soprattutto ciclismo, e fitness, ma anche dalle ragazze. Ha molte proteine e valori irrilevanti di grassi e carboidrati: è quindi un’integrazione proteica ideale che non incide sui valori glicemici e le intolleranze, come quella per il lattosio». Che ha operazione ha fatto Botturi, che ha anche brevettato il suo metodo? «Con la mia trasformazione, il prodotto è diventato anche gustoso - sottolinea -. La procedura è semplice, gli ingredienti sono tre, tutti naturali al 100%: albume, acido citrico (succo di limone) e all’occorrenza l’alga agar agar. Anziché fare fermentazione col latte, c’è una sorta di cottura dell’albume con l’acidificante. Omogeneizzando il tutto, si ottiene un prodotto che non sa di uovo l’acido citrico trasforma la proteina e la cottura fa coagulare il tutto e lo rende digeribile». E ora nascono anche le varianti di consistenza date dall’agar agar: yogurt da bere, oppure greco, o tipo mousse. E poi arriva la ricotta e, in prospettiva, anche il gelato. In attesa di sviluppi. (l.g.)
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista