Quotidiani locali

Vai alla pagina su Lavoro
mantova

Niente casa in affitto: «Sei terrona e insegnante»

Una prof di origine calabrese denuncia: "Discriminata per provenienza e lavoro". Il proprietario rincara la dose: "Non faccio contratti nemmeno agli stranieri"

MANTOVA. «Non affitto agli insegnanti, e nemmeno ai meridionali e agli extracomunitari». È la risposta che un agente immobiliare avrebbe dato a un’insegnante trentatreenne originaria della Calabria che era alla ricerca di una casa in affitto nel centro di Mantova. Una risposta, non c’è dubbio, dal forte tono discriminatorio. «Insegno alle scuole medie di Suzzara, non si tratta della mia prima casa – racconta la donna – abito a Mantova da sei anni, prima ho lavorato a Viadana e vissuto a Parma. Una decina di giorni fa ho visto su internet un appartamento che faceva al caso mio. E ho chiamato il numero indicato. Mi ha risposto un’agenzia immobiliare».

Fin qui tutto nella norma. «Con l’agente immobiliare sono andata a vedere il locale, era perfetto per me – continua il racconto – mentre l’agente mi mostrava la casa mi sono presentata e ovviamente ho parlato del mio lavoro. Tutto procedeva per il meglio, davo per scontata la firma del contratto, da lì a qualche giorno. Anche l’agente era certo che non avremmo avuto intoppi. E invece un problema c'è stato».

Dopo qualche ora il responsabile dell’agenzia richiama la donna comunicandole che il proprietario non voleva affittare. Il perché? Non affitta agli insegnanti. Inutili i tentativi di dissuaderlo. L’affittuario è stato perentorio: «Non affitto neanche a meridionali e extracomunitari» avrebbe riferito all’agente immobiliare.

«A queste parole ho reagito con rabbia – racconta la donna – viviamo in una società in cui continua ad esserci pregiudizio verso chi non si conosce. Mi sono sentita offesa nella mia dignità di persona. Con l’agente immobiliare ci siamo risentiti anche in un secondo momento, s’è scusato per l’accaduto e mi ha comunicato la decisione di abbandonare quel cliente. Un gesto che ho molto apprezzato».

Difficile, sottolinea, spiegare le motivazioni di una risposta dove a due categorie già spesso discriminate come quelle di “meridionali” ed extracomunitaria ne viene affiancata una terza, quella degli insegnanti. «Forse è passata l’idea che essere docente significhi avere tutti i pomeriggi liberi e tre mesi di vacanza – commenta l’insegnante – forse le scelte politiche hanno portato anche la mia categoria a sembrare debole, una categoria su cui si può agire come si vuole». Ma ciò che fa più male, precisa la prof, è che ancora si tende a categorizzare l’uomo, si giudica l’apparenza senza andare oltre. Viviamo in una società che «invece di migliorare regredisce lasciando spazio a discriminazioni razziste, come ai tempi del fascismo».

Barbara Rodella
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista