Quotidiani locali

piubega

In una cascina 1500 piante di marijuana

I carabinieri di Piubega scoprono la serra in via San Fermo. Trovate anche due pistole cariche e munizioni da guerra

PIUBEGA. Una cascina in mezzo alla campagna protetta da una recinzione fittissima: strano. E strano quel rumore di una turbina, dietro le porte murate. Tutto troppo anomalo per non suscitare i sospetti dei carabinieri di Piubega. Hanno cominciato a controllare il fabbricato, a pedinare l’uomo che sembrava vivere lì, fino ad blitz di giovedì pomeriggio. Dentro la sorpresa, quasi uno choc: una serra, attrezzatissima con strumenti all’avanguardia, con 1500 piante di marijuana. Alte circa un metro, in piena fioritura, per un peso complessivo di 150 chili. In denaro, un valore ingentissimo.

Dentro la cascina i carabinieri hanno trovato anche due pistole cariche, una Smith & Wesson, risultata rubata, e una Sig Sauer, anche questa probabilmente di provenienza illecita., oltre a munizioni da guerra. L’uomo che utilizzava la cascina, D.G. 38 anni, cremonese, è stato arrestato per produzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, detenzione abusiva di armi e ricettazione. È incensurato, fino a questo momento sconosciuto alle forze dell’ordine. Il sospetto degli investigatori è che si tratti del pesce più piccolo di un giro di spaccio in grande stile. Ora il 38enne si trova in carcere a Mantova, e nelle prossime ore verrà interrogato dal Pm titolare dell’indagine, Carmela Sabatelli.


Lo stabile risulta in fase di vendita dopo un contratto preliminare, stipulato da circa un anno. Intorno, era stata costruita una recinzione alta due metri e mezzo, per proteggere la serra da occhi indiscreti. La serra era dotata di impianto supertecnologici: impianto di illuminazione, di riscaldamento, di aerazione e di irrigazione studiati apoisitante per una coltivazione così estesa.

Come è emerso nel blitz in via San Fermo, messo a segno dai carabinieri di Piubega con i colleghi di Goito e quelli del nucleo operativo di Castiglione agli ordini del maggiore Simone Toni, l’uomo dormiva dentro la cascina, in una stanza squallidissima arredata soltanto da un letto. L’operazione è stata illustrata ieri dal comandante provinciale dei carabinieri colonnello Fabio Federici, dal colonnello Massimo Pucci e dal comandante della stazione di Piubega Vincenzo Valiante. «Il nostro impegno per smantellare lo spaccio sul territorio è evidente dai dati - ha detto il colonnello Federici - da gennaio, senza considerare questi, abbiamo sequestrato 25 chili di droga, arrestato per spaccio 25 persone, denunciate 81 e segnalato 283 per uso personale. Abbiano ogni giorno 50 pattuglie in giro per la nostra provincia».

Ai carabinieri sono arrivati anche i complimenti personali del nuovo prefetto Sandro Lombardi. (r.c.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista