Quotidiani locali

opere pubbliche

Ora il ponte di Viadana è antisismico: lavori per 500mila euro

Taglio del nastro dopo gli interventi sul viadotto che porta a Boretto, le infiltrazioni avevano intaccato il cemento armato: fatto un nuovo drenaggio

VIADANA. Sono stati inaugurati - col taglio del nastro sotto la campata del viadotto nel tratto che sovrasta via Al Ponte, e un rinfresco da Bortolino - i lavori di manutenzione del ponte Viadana-Boretto. All’evento sono intervenuti, tra gli altri: il presidente della Provincia Beniamino Morselli col dirigente Giovanni Urbani e i tecnici che hanno seguito i lavori; il sindaco di Viadana Giovanni Cavatorta col vice Alessandro Cavallari e il presidente del consiglio Ivan Gualerzi; il sindaco di Pomponesco Pino Baruffaldi; il comandante della compagnia Carabinieri Gabriele Schiaffini; il delegato Confindustria Silvano Melegari.

leggi anche:



Il parroco, don Antonio Censori, ha benedetto gli utilizzatori del ponte: automobilisti, camionisti e passeggeri. I lavori hanno interessato il tratto golenale del ponte (circa 1,5 chilometri, sulla sponda mantovana); e si sono concentrati sulle trentasei pile di sostegno del viadotto.

Come hanno spiegato nell’occasione i tecnici, all’epoca della costruzione si pensava che il cemento armato fosse un materiale eterno; negli ultimi anni, probabilmente per effetto delle infiltrazioni d’acqua, buona parte delle armature era rimasta scoperta, e si era avviato un processo di degrado. Non c’erano pericoli di crolli, anche perché il ponte appare sostanzialmente solido e in salute; ma non si potevano nemmeno chiudere gli occhi: sono stati pertanto risanati i sostegni in cemento armato e i punti più usurati in corrispondenza delle travi di impalcato. Le armature degradate sono state ripristinate ed integrate.

E’ stato realizzato inoltre un sistema aggiuntivo di smaltimento delle acque piovane, con un nuovo scarico che permetterà il drenaggio.

leggi anche:



E’ stata migliorata inoltre la sicurezza antisismica, mediante l’allestimento di cordolature volte ad assorbire le eventuali scosse. A realizzare i lavori, una ditta specializzata, la Igt di Mercato Saraceno (Forlì). Il cantiere è stato aperto nel giugno scorso. L’opera è costata complessivamente 500mila euro, messi a disposizione dell’amministrazione provinciale da un finanziamento della Regione.

Tanto Morselli quanto Cavatorta hanno posto l’accento sul fatto che l’intervento sia stato possibile grazie alla collaborazione tra enti; hanno evidenziato la necessità di tenere monitorata la situazione del ponte (anche a seguito dell’aumento di traffico dovuto alla chiusura a tempo indeterminato del ponte di Casalmaggiore); e hanno espresso l’auspicio che lo Stato ponga mano a un piano straordinario per i ponti sul Po.


 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista