Quotidiani locali

mantova

Donna travolta da un auto, viale Risorgimento insicuro? I vigili: investimenti diminuiti

È ricoverata al reparto di ortopedia con 45 giorni di prognosi la donna di 37 anni investita mercoledì

MANTOVA. È ricoverata al reparto di ortopedia con 45 giorni di prognosi la donna di 37 anni investita mercoledì in viale Risorgimento. La donna, un avvocato, stava attraversando la strada per raggiungere l’auto parcheggiata dopo aver passato la giornata nel suo studio legale in via Valsesia. Non è in pericolo di vita ma ha riportato la frattura di una gamba (al perone e alla tibia) e traumi al torace, alla scatola cranica e alle ossa del volto.

La polizia locale sta ricostruendo la dinamica e le responsabilità. Al di là dello specifico incidente, in ogni caso, diversi residenti e frequentatori del trafficato viale hanno posto la questione della sicurezza dei pedoni. Chi abita da quelle parti parla di auto che, nonostante i limiti, imboccano il rettilineo a velocità sostenuta (questo accade nei momenti di traffico non intenso, naturalmente) e di visibilità a causa della luce insufficiente, nonostante l’illuminazione rifatta pochi anni fa.

«In linea generale - osserva il comandante della polizia locale, Paolo Perantoni - il numero di incidenti è drasticamente diminuito da quando abbiamo realizzato, qualche anno fa, il nuovo sistema di attraversamenti pedonali. All’epoca l’intervento di messa in sicurezza era davvero una necessità. Basta pensare che c’erano in media 3-4 investimenti l’anno, con punte di 5 e più. Dopo la realizzazione degli attraversamenti, con il restringimento in quei punti della carreggiata, gli investimenti sono calati in misura molto significativa. Non dico azzerati, ma ci siamo avvicinati a questo traguardo. Il problema è che le misure di sicurezza non possono evitare velocità eccessive, distrazioni del pedone o dell’automobilista o gli attraversamenti fuori dalla strisce».
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista