Quotidiani locali

Mantova: con l'auto nel fosso, muore mamma di 24 anni

L'incidente la sera del 6 dicembre sulla strada tra Cerese e Ponteventuno. Dorothy Biolchi lascia una bimba di appena 8 mesi

MANTOVA. Ventiquattro anni, una bambina di soli otto mesi, la vita che sta cominciando ora ad essere piena. Tutto cancellato, distrutto, in una semplice sbandata, nel groviglio di lamiere e pezzi di carrozzeria.

Dorothy Biolchi, nata e vissuta a Mantova, quartiere Lunetta, ora domiciliata con il compagno e padre della piccola Emily a Sommacampagna, nel Veronese, si è spenta giovedì mattina alle undici e mezza al reparto di Rianimazione dell’ospedale Carlo Poma.

Era stata ricoverata la sera prima in gravissime condizioni dopo un incidente stradale. Il fatto è successo poco dopo le dieci e mezza in via Argine Cerese, la strada che collega Ponte 21 a Borgo Virgilio e scorre parallela alla Cisa. Dorothy, che aveva frequentato il Bonomi Mazzolari, poi lavorato alla pizzeria La Margherita di San Giorgio, in questo periodo, dopo la nascita della piccola, era in cerca di occupazione. Mercoledì pomeriggio aveva sostenuto un colloquio di lavoro e sembrava fosse andato bene. Poi probabilmente era rimasta a cena o era andata a trovare la mamma, Barbara Sarzi Braga, che abita a Curtatone. Verso le dieci di sera è risalita sulla sua Fiat Punto diretta a casa, a Sommacampagna, dove l’aspettavano il compagno Giordano e la sua piccola Emily.

Dietro di lei c’era l’auto della mamma e del convivente di lei, che di fatto la stavano accompagnando per un tratto. Dramma nel dramma, quindi, proprio la donna è stata testimone di quanto accaduto alla figlia.
E’ stato un attimo, Dorothy forse si è distratta, una telefonata o l’autoradio da sintonizzare oppure un ostacolo improvviso le è comparso davanti all’auto, un gatto, una nutria. Sta di fatto che la Punto all’improvviso, mentre viaggiava da Ponte 21 a Cerese, ha sbandato, ha perso il controllo ed è finita nel fossato di sinistra, privo di acqua. Se l’auto si fosse rovesciata semplicemente tra il fogliame forse non sarebbe successo nulla di grave. Invece, purtroppo, la vettura si è infilata nel canale centrando col muso un ceppo di pioppo tagliato. Una schianto secco e violento, che ha spinto parte del motore dentro l’auto. Non sono serviti cinture di sicurezza e airbag. La giovane donna ha battuto con violenza la testa contro il cruscotto dell’auto, riportato un gravissimo trauma cranico.

Proprio la madre ha subito dato l’allarme e sul posto si sono precipitati il 118, i vigili del fuoco di Mantova e i carabinieri di Borgo Virgilio. Dorothy era viva, ma in condizioni molto gravi. È stata quindi accompagnata in codice rosso, massima urgenza, al Carlo Poma di Mantova e ricoverata in Rianimazione.

Purtroppo, giovedì mattina verso le undici e trenta, i medici hanno dovuto decretare la morte clinica. Troppo grave e profondo il trauma cranico subito. I genitori Barbara e Stefano Biolchi, con il dolore nel cuore ma con grande generosità, hanno acconsentito all’espianto degli organi, intervento che si è svolto in serata, dopo che sono trascorse le sei ore di osservazione previste dalla legge in materia.

Dorothy salverà altre vite, porterà in altri il sole che aveva dentro. Una ragazza speciale - come la descrivono le amiche e gli amici - sempre sorridente, nonostante una vita non sempre facile, e capace di coinvolgere gli altri della sua gioia. Testimonianza di quanto lascia, del dolore e della disperazione che questa tragedia ha generato sono anche i tantissimi messaggi di addio scritti sulla sua pagina Facebook.

«La vita a volte è davvero ingiusta... Avevi trovato la felicità che ti è stata portata via troppo presto....Non ci sono parole... Guarda sempre la tua bellissima bambina da lassù». «Ciao Dorothy, proteggi la tua bimba da lassù». «Che dolore.. pure il cielo si è annuvolato...sei stata speciale x così tanti che tua figlia crescerà sapendo quanto eri stupenda». 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista