Quotidiani locali

mantova

Imprenditore scomparso. Ora al vaglio le telecamere

Scandagliate le immagini: l’uomo esce di casa, va al bancomat e poi scompare. I carabinieri nel suo ufficio di dirigente sportivo a Governolo, al setaccio le carte

MANTOVA. Ancora nessuna notizia di Ernesto Valerio, l’imprenditore e dirigente sportivo mantovano scomparso da lunedì mattina. Uscito di casa prima dell’alba per due appuntamenti di lavoro, a Brescia e Rovereto, sembra essere sparito nel nulla. Si è allontanato volontariamente o è stato costretto a farlo? Al momento si sa solo che verso le sei del mattino, dopo aver salutato la moglie Giulia Cavicchini, contitolare dello studio di consulenza e comunicazione SmartIdea di Cittadella, e la figlia di quattro anni, è uscito dalla casa di viale Partigiani e nessuno l’ha più visto. I carabinieri del nucleo radiomobile stanno battendo ogni pista, senza trascurare alcuna ipotesi. Ieri hanno scaricato le immagini delle telecamere di sorveglianza di viale Partigiani e del bancomat dove Valerio ha fatto due ritiri di denaro, per 500 euro in tutto, con la propria carta di credito e con quella della moglie.

Altro passaggio fatto dai carabinieri è stato quello di raggiungere lo stadio Vicini di Governolo – Valerio è responsabile del settore giovanile della Governolese – e passare al setaccio l’ufficio e le carte dell’attività di dirigente del calcio. Stessa cosa sarebbe avvenuta nello studio di Cittadella, sempre a caccia di indizi che possano suggerire dove si trovi.

La moglie, che si sforza di essere tranquilla ma a tratti appare spaventata, è stata raggiunta dai genitori e parenti del marito, arrivati da Lanciano, in provincia di Chieti, paese di cui Valerio è originario.

Del caso s’è parlato anche su Rai3, nell’edizione di “Chi la visto” di ieri mattina, mentre continua a muoversi il tam tam mediatico e si moltiplicano i messaggi postati sul web. Sono in tanti, dal mondo della politica a quello del calcio, a scrivere sui social.

La comunità di Castiglione delle Stiviere, dove Valerio ha vissuto e lavorato per anni e dove è molto conosciuto, resta in allerta. Apprensione e stupore per la vicenda anche a Governolo, dove Valerio, da dirigente sportivo, lunedì sera era atteso per una cena. Stessa cosa Cavriana, dove è presidente della commissione biblioteca. Da qui è partita una telefonata diretta al Comune di Avio, fresco di gemellaggio, per sapere se l’imprenditore sia stato visto.

Restano le incognite e i dubbi sul perché Ernesto Valerio, uscito per partire alla volta di un viaggio di lavoro, abbia lasciato la sua Jeep Renegade bianca parcheggiata in piazzale Gramsci, a due passi da casa. E perché da lunedì mattina il suo cellulare risulti spento. Impossibile rintracciarlo: l’applicazione per mappare il telefono non funziona.

Luca Cremonesi
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro