Quotidiani locali

mantova

Malore all’Iper, muore a 49 anni agente di commercio

Tragedia al centro commerciale Virgilio. Paolo Cavallini lascia la compagna e una figlia di dodici anni

MANTOVA. Ha approfittato della pausa pranzo per fare un giro al centro commerciale, forse per comprare un telefonino nuovo. E proprio lì, nella zona telefonia dell’iper Virgilio, è crollato in preda a un malore improvviso. Inutili i soccorsi: l’equipaggio della Croce Verde ha fatto tutto il possibile per rianimarlo ma al suo arrivo al pronto soccorso del Poma era già morto. La tragedia, accaduta nel primo pomeriggio di ieri, è costata la vita a Paolo Cavallini, 49enne agente di commercio della Blm spa-Bovio ricambi di San Giorgio. Cavallini lascia una compagna e una figlia di dodici anni con cui abitava a Commessaggio.

Faceva il viaggiatore per la Bml dal febbraio del 2003. Era un uomo di esperienza, che s’era fatto un buon giro di clientela nell’area del Viadanese. Acquisiva ordini dalle autofficine e poi andava a fare le consegne. Ieri, in pausa pranzo, attorno alle 13.40 si trovava all’Iper Virgilio. I testimoni lo hanno visto crollare a terra all’improvviso. Il tempo di chiamare il 118 e avere i soccorritori sul posto. Era già tardi. Senza esito i prolungati tentativi di rianimazione, così come il trasporto al pronto soccorso del Poma.

«Siamo ancora sconvolti – riferisce Stefano Scarpari, direttore generale della Blm ricambi – stamattina stava bene, non c’erano segnali di quello che stava per accadere. Abbiamo saputo della tragedia quasi in diretta: i soccorritori hanno chiamato qui in azienda con il telefonino di Paolo per avvertire la compagna. Di lui posso solo dire bene – conclude tradendo la commozione – era una bravissima persona, onesta, volonterosa, un professionista attaccato al lavoro. Con Paolo in tanti anni non abbiamo mai avuto problemi».
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik