Quotidiani locali

mantova

Il sindaco sibillino. «Perché tutto questo? Lo so ed emergerà»

La gioia del primo cittadino che ringrazia i pm per la rapidità. «Non sento le scuse dei giustizialisti. Uscirò pulito da tutto»

MANTOVA. Un regalo di Natale inaspettato che lo fa uscire da un incubo durato un mese. Il sindaco Mattia Palazzi ha trovato sotto l’albero la richiesta di archiviazione da parte della procura, ma non aveva dubbi che sarebbe andata a finire così. C’era solo da avere pazienza. Il tritacarne che lo stava maciullando politicamente ed umanamente adesso si fermerà, ma dimenticare è impossibile. Soprattutto, pesa quella «strumentalizzazione che Forza Italia e Cinque Stelle» hanno fatto della sua vicenda, «che è solo mia, privata» dice Palazzi in un’intervista rilasciata nel tardo pomeriggio, dopo aver incassato le congratulazioni di Renzi, dei tanti amici e di semplici cittadini che mai lo hanno abbandonato.

Sindaco, la procura ha archiviato l’indagine per tentata concussione perché la Nizzoli ha manomesso i messaggini che vi eravate scambiati. Come commenta?

«Dal primo momento di questa brutta e dolorosissima vicenda mi sono dichiarato innocente ed estraneo all’accusa che mi veniva rivolta. Non ho mai mentito e la verità sta emergendo e credo emergerà ancora di più. Ringrazio la Procura per la velocità con cui ha compiuto le indagini».

Perché, secondo lei, la Nizzoli ha manomesso i messaggini per poi girarli a terze persone? Si è fatto un’idea di che cosa sia successo?

«Ho una mia idea, ma saranno le indagini a dimostrare il perché e cosa c’è dietro. Io guardo avanti, mentre i miei legali, se ci sarà motivo, guarderanno indietro».

Ritiene che vi sia una componente politica in quello che le è successo?

«È del tutto evidente e noto ai mantovani che Longfils abbia tentato in tutti i modi di farmi fuori politicamente, usa gli esposti come strumento politico e non a caso utilizza il condizionale per provare a non avere poi problemi lui. Se una persona, senza averne prova certa, accusa qualcun altro, in questo caso il sottoscritto, ben sapendo cosa scatena, in primis dal punto di vista mediatico, è chiaro anche ai sassi che lo fa per un cinico calcolo politico. Ma non ho mai smesso di avere fiducia nella magistratura e nella giustizia. La strumentalizzazione che Forza Italia e Cinque Stelle hanno fatto di questa vicenda è stata vile e vergognosa. È ora che in questa città venga definitivamente prosciugata l’acqua putrida nella quale stagnano calunniatori e professionisti dell’odio e dell’invidia».

La procura ritiene, a questo punto, anche la Goldoni e Longfils vittime della Nizzoli…

«Sul piano delle indagini non mi pronuncio, ma di sicuro qui la vittima è il sottoscritto e la città stessa».

Su di lei resta aperta l’indagine per abuso d’ufficio sulla concessione dei contributi alle varie associazioni. Cosa ne pensa?

«Che anche in questo caso sono certo emergerà la mia totale correttezza».

Resta la chat erotica che non ha valenza penale. E resta il dubbio sull’opportunità politica, per un sindaco, di aver avuto rapporti con figure non affidabili rendendosi ricattabile. Non ha nulla di cui rimproverarsi?

«La mia vita privata è mia e solo mia, così come quella di ciascun cittadino. Ciò che mi è stato fatto da alcuni giornali è vergognoso e sintomo di un sistema mediatico in parte malato, che non solo pubblica ciò che è coperto da segreto di indagine, ma che distrugge le persone prima ancora che le stesse possano dimostrare la propria innocenza. Chi mi risarcirà del danno subito? Dove sono le scuse dei giustizialisti e ipocriti paladini di una verità che nemmeno hanno voluto conoscere?».

Renzi dalla propria pagina Facebook le ha fatto le congratulazioni.

«Molti hanno usato me per colpire lui. Renzi mi è stato vicino dal primo minuto, con umanità e con la certezza della mia estraneità all’accusa. Non posso che ringraziarlo perché ha dimostrato di tenere più alle persona ed alla verità che non all’opportunità politica».
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon