Quotidiani locali

moglia

Il comitato salva l’ambulatorio

Successo della petizione dei residenti di Bondanello: l’Ats assumerà un nuovo medico

MOGLIA (Bondanello). Il comitato civico “Un medico per Bondanello”, nato spontaneamente dopo la diffusione della notizia che il medico di base Anna Rita Granatiero avrebbe cessato dal 2 gennaio 2018 la propria attività nell'ambulatorio di piazza Cesare Battisti, ha trasmesso alla direzione sanitaria Asst Carlo Poma di Mantova, alla direzione sanitaria Ats Valpadana e al Comune di Moglia, la petizione sottoscritta da 443 cittadini con cui si chiede che «l'ambulatorio del paese non sia chiuso e che sia assicurata la regolare presenza di un medico».

La direzione sanitaria si è subito prodigata per dare risposta al problema dei cittadini di Bondanello, attivando le procedure per l'assunzione di un nuovo medico ed organizzando nel frattempo una soluzione transitoria che non lasci del tutto scoperto il servizio medico del paese. Per questo i residenti confidano in un esito positivo dell'intera vicenda.

Dal canto suo, l'amministrazione comunale ha preso contatto con tutti i soggetti coinvolti per trovare una soluzione di breve e lungo periodo al venir meno di un presidio ritenuto importante per la comunità. Sono già in corso le procedure attivate dall'Ats Valpadana per la copertura di un posto di medico di medicina generale che potrà prendere servizio a Bondanello e si andrà quindi ad aggiungere ai quattro medici attualmente in servizio a Moglia. Dall'8 gennaio 2018 alla fine di febbraio, in attesa della nuova assegnazione, la dottoressa Granatiero assicurerà, ogni lunedì dalle 8.30 alle 12, la propria presenza nell'ambulatorio di piazza Cesare Battisti a Bondanello messo a disposizione dal Comune di Moglia senza alcun onere.

L'associazione “Auser-La Sorgente” garantirà inoltre, nella mattinata di venerdì, il trasporto all'ambulatorio di Moglia mediante l'utilizzo dell'auto dei servizi sociali del Comune. Info e prenotazioni 349/3413842. Dal 2 gennaio 2018, apriranno gli studi medici “I Portici” adiacenti la farmacia Berni con la presenza dei medici di medicina generale Giuliano Pedrazzoli, Anna Rita Granatiero e Claudio Leoni, che garantiranno la continuità assistenziale in rete, una segretaria e un'infermiera. Nella struttura continueranno ad essere presenti il dottor Mario Pio Abruzzino, il pediatra di famiglia Luca Bonacini e i medici specialisti.

Sono in atto approfondimento con l'Asst e l'Ats per arrivare all'istituzione di ulteriori servizi anche alla luce della recente riforma regionale della sanità, non da ultimo, il punto prelievi.

Mauro Pinotti

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik