Quotidiani locali

Asola

Polizia locale: Asola attacca. "Acquanegra resta fuori"

Il sindaco di Asola Favalli va all'attacco. La De Pieri: "Una risposta nel weekend"

ASOLA. Si è riunita lunedì 18, nel Comune di Asola, l'assemblea dei sindaci dei Comuni collegati dalla gestione comune della polizia locale, con sede proprio ad Asola. Negli scorsi giorni erano apparsi, sulla Gazzetta di Mantova, segnali di fronda da parte del Comune di Acquanegra sul Chiese che si vedeva, come detto dal suo sindaco, privato di benefici che sarebbero andati a vantaggio del Comune di Asola, capofila dell' iniziativa.

Alla riunione erano presenti il sindaco di Asola Raffaele Favalli, il sindaco di Gazoldo degli Ippoliti Nicola Leoni, il sindaco di Mariana Mantovana Angelo Rosa, il sindaco di Canneto sull’Oglio Raffaella Zecchina, il sindaco di Acquanegra sul Chiese Monica De Pieri, il comandante della polizia locale associata Marco Quatti ed il segretario comunale di Asola, Sabrina Candela.

L'incontro è stato voluto per discutere del documento presentato all'assemblea dal sindaco di Acquanegra sul Chiese riguardante il presunto malfunzionamento della convenzione. Malfunzionamento che ha spinto il Comune di Acquanegra ad esprimere la volontà di uscire dalla convenzione stessa.

Il sindaco di Asola è subito passato all’attacco: «Dopo quanto apparso sulla Gazzetta, se non verrà smentito dallo stesso sindaco De Pieri, con sommo rammarico devo dire che non siamo più in grado di mantenere l'Amministrazione di Acquanegra sul Chiese all'interno della convenzione».

Dal canto suo la sindaca De Pieri ha ribadito quanto contenuto nel documento presentato lo scorso 5 dicembre: «Vi faremo sapere qualcosa a fine settimana (il termine scadeva il 23 dicembre, ndr)», ha annunciato De Pieri.

Ma alle 12.30 non risultava giunta, al comune capofila, alcuna comunicazione.

Tullio Casilli
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik