Quotidiani locali

Un comitato per l’ospedale «Ora la Regione ci ascolti»

Pieve di Coriano. I sindaci dell’Oltrepò hanno firmato una bozza di statuto «Il presidio ha potenzialità, ma negli ultimi anni non ci sono stati investimenti» 

PIEVE DI CORIANO. È nato il comitato in difesa del presidio di Pieve di Coriano. In questa settimana i sindaci dell'Oltrepò hanno firmato una bozza di statuto. L'obiettivo è valorizzare e rivitalizzare l'ospedale di Pieve. «Sono stati riscontrati importanti problemi – dicono dal comitato – Il problema è che negli ultimi anni tutti i nuovi apparecchi medici arrivati sono frutto di donazioni da associazioni esterne. Adesso è il momento di puntare su Pieve per rilanciare un presidio della sanità che ha grandi potenzialità. Non si può rinunciare alla sanità pubblica in favore di quella privata. Siamo i più indietro nelle province della Lombardia, a livello di apparecchiature».

Il problema è l'ordinaria amministrazione. Questo è quanto si apprende dalla recente riunione dei sindaci del territorio in riferimento alla questione della sanità nella zona dell'Oltrepò mantovano. La notizia si era già appresa da tempo, ma ora è ufficiale. Il comitato che sta nascendo avrà il compito di fare da grimaldello in Regione per ottenere i fondi necessari a far diventare Pieve quella struttura di eccellenza che dovrebbe essere per attrarre anche pazienti dalle vicine provincie di Rovigo, Modena e Ferrarra.

«I problemi sono noti – dice il sindaco di Pieve, Danniela Besutti – i turni sono pesanti e mancano alcuni macchinari importanti come la risonanza magnetica». Il messaggio è chiarissimo: «La Regione si deve impegnare a potenziare questo presidio – dicono i sindaci – Noi siamo lontanissimi da Milano, ma il territorio ha delle esigenze e pretendiamo di essere ascoltati e rispettati. La battaglia è super partes e siamo tutti uniti. Abbiamo intenzione di far rispettare i diritti. Il governo della Regione, quello che verrà, deve capre che noi siamo determinati».

La logica che i sindaci presentano è di territorio e mira a potenziare il presidio sanitario di Pieve per renderlo un'eccellenza attrattiva anche per le vicine province. L'obiettivo è ambizioso, ma non irraggiungibile, anche perché nella realtà dei fatti già molti pazienti arrivano dalle zone fuori Regione, il problema è offrire un servizio adeguato. Con la riunione della scorsa settimana è stata fissata una bozza dello statuto del nuovo comitato, che vede firmatari già oltre venti sindaci dell'Oltrepò. E altri si stanno aggiungendo, perché si tratta di un discorso di territorio. Adesso tutti faranno pressione perché la Regione si impegni per erogare fondi in primo luogo per l'ordinaria amministrazione e poi per l'interregionalità che da troppo tempo rimane un problema inevaso.

Giorgio Pinotti

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik