Quotidiani locali

MANTOVA

Tribunale, emergenza giudici. In cinque pronti ad andarsene

Via tre dal penale e due dal Civile. Nel giro di qualche mese via Poma dovrà fare i conti con un’allarmante riduzione dell’organico. Sono cinque in tutto le toghe che hanno chiesto e ottenuto il trasferimento in altre sedi

MANTOVA. Emergenza giudici al tribunale di Mantova. Nel giro di qualche mese via Poma dovrà fare i conti con un’allarmante riduzione dell’organico. Sono cinque in tutto le toghe che hanno chiesto e ottenuto il trasferimento in altre sedi.

A partire da Giuditta Silvestrini che prenderà servizio alla Corte d’Appello di Bologna. In partenza anche Ivano Brigantini, giudice al processo Pesci, e con lui la collega Ilaria Rosati. Ricordiamo che a novembre se n’era già andato il giudice Stefano Aresu, già rimpiazzato dalla collega Chiara Comunale e che, prossimamente, lascerà Mantova anche il giudice civile Pagliuca.

Sempre in ambito civile, dopo la partenza di un magistrato mai sostituito, salgono a due le toghe che lasciano via Poma. In attesa delle nuove nomine il tribunale di Mantova dovrà fare dunque a meno di tre giudici per il penale e due per il civile. Ma non è tutto. In grande sofferenza, per la notevole mole di lavoro, anche gli uffici dei giudici per le indagini preliminari Gilberto Casari e Matteo Grimaldi.

Nei mesi scorsi sembrava che il Csm potesse aggiungere un terzo gip. Ma al momento non è stata presa alcuna decisione. Quindi, tra pochissimi mesi, i procedimenti penali dovranno essere gestiti da due soli giudici: Enzo Rosina, presidente della sezione penale arrivato quest’anno dalla Corte d’appello di Brescia e Chiara Comunale, da poco arrivata a Mantova.

La situazione si è pesantemente aggravata quando è iniziato il processo Pesci a Brescia che ha visto impegnati, a tempo pieno, e lo saranno ancora per un paio di mesi, i giudici Ivano Brigantini e Ilaria Rosati. Hanno infatti ottenuto una proroga per depositare le motivazioni del processo. Quasi due anni senza di loro hanno rallentato non poco l’attività giudiziaria mettendo in seria crisi il tribunale di Mantova. Fino a qualche tempo fa la crisi si era manifestata per la carenza di pubblici ministeri, ora la situazione si è capovolta. L’emergenza riguarda infatti l’organo giudicante e non inquirente.(gol)
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon