Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Inquinamento da record, allarme dal Destra Secchia

Nel 2017 polveri sottili oltre la soglia in ben 65 giornate a Sermide e in 67 a Borgofranco. Un netto peggioramento rispetto al 2016. L'sos di Malagò

SERMIDE E FELONICA. Notevole peggioramento dell'inquinamento nel Basso mantovano. Il consigliere di Sermide e Felonica Vittorino Malagò, ex vicesindaco di Felonica, riporta alcuni dati significativi dell'inquinamento da polveri sottili Pm10 rilevati nel 2017 dalle centraline dell'Arpa poste nelle località di Sermide e Borgofranco sul Po. La norma fissa in 50 microgrammi per metro cubo la soglia massima.

Nel 2017 questa soglia è stata superata in ben 65 giornate a Sermide e in 67 a Borgofranco ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SERMIDE E FELONICA. Notevole peggioramento dell'inquinamento nel Basso mantovano. Il consigliere di Sermide e Felonica Vittorino Malagò, ex vicesindaco di Felonica, riporta alcuni dati significativi dell'inquinamento da polveri sottili Pm10 rilevati nel 2017 dalle centraline dell'Arpa poste nelle località di Sermide e Borgofranco sul Po. La norma fissa in 50 microgrammi per metro cubo la soglia massima.

Nel 2017 questa soglia è stata superata in ben 65 giornate a Sermide e in 67 a Borgofranco. Si tratta di un netto peggioramento rispetto al 2016, quando le giornate di sforamento furono 38 a Sermide e 34 a Borgofranco. Il 31 gennaio 2017 Sermide raggiunse addirittura i 188 microgrammi per metro cubo. Il record per Borgofranco è stato di 166 microgrammi. Un altro dato: nel mese di gennaio 2017 a Sermide ci furono 16 sforamenti; per Borgofranco il mese peggiore è stato ottobre 2017 con 17 superamenti.

«Ritengo - afferma Malagò - ritengo che l'accordo sottoscritto a Bologna nell’agosto 2017 dalle regioni del bacino padano (Lombardia, Emilia, Veneto e Piemonte), che fissa l'adozione di provvedimenti emergenziali qualora l'inquinamento si protragga per più giornate consecutive, dovrebbe essere esteso anche ai Comuni con popolazione inferiore ai 30.000 abitanti. Per far ciò, soprattutto nei Comuni più piccoli, servirebbe investire maggiormente in termini economici, intensificando i servizi di trasporto pubblico e nel contempo promuovendo forti incentivazioni per la sostituzione di automobili inquinanti e caldaie domestiche a scarso rendimento. Anche i nuovi insediamenti produttivi devono essere ad invarianza del carico inquinante nell'atmosfera». (a.g.)