Quotidiani locali

Vai alla pagina su Elezioni politiche 2018
Mantova, la Lega silura la candidatura di Fava
elezioni 2018

Mantova, la Lega silura la candidatura di Fava

Il direttivo provinciale lo esclude dalla rosa dei 26 nominativi proposti. L’assessore regionale: un dispetto, decidono altri organismi. Il segretario: lo abbiamo fatto perché vogliamo un rinnovamento

MANTOVA. Il direttivo provinciale della Lega silura la candidatura di Gianni Fava alle prossime elezioni regionali. Tra i 26 nominativi di militanti indicati dall’organo decisionale del movimento ai vertici federali per la scelta dei candidati alle politiche e alle regionali del 4 marzo, quello dell’assessore regionale all’agricoltura, e leader dell’area di minoranza interna, non c’è. Non è stata una svista. Il direttivo, a cui non hanno partecipato diversi esponenti legati a Fava, ha espresso un parere su ognuna delle 46 autocandidature sottoposte alla sua attenzione e quando è arrivato il turno di votare l’assessore regionale hanno vinto i no.

Anzi, gli unici due esponenti dell’area di Fava presenti alla seduta, Andrea Rasi e Zoraide Chiozzini, non hanno votato e nemmeno hanno preso la parola durante l’incontro.

Nell’elenco (che subirà un’ulteriore scrematura del 50% dei nominativi da parte degli organismi nazionali) compaiono però diversi importanti esponenti dell’area di Fava, che rappresenta la minoranza sia all’interno dell’organismo dirigente mantovano (seppur per un solo rappresentante) si a livello federale: ci sono ad esempio i sindaci Giovanni Cavatorta e Alessandro Sarasini e ancora Edi Scaini , Sandra Buratti e Lorena Ghezzi. Più o meno il 30%.

Il restante 70% è formato da militanti della maggioranza salviniana e in mezzo ci sono diversi nomi noti: Andrea Dara, Claudio Bottari, Irene Aderenti , Alessandra Cappellari (nominata poco prima di Natale vice segretario provinciale), lo stesso segretario Antonio Carra, Stefano Meneghelli, Cataldo Giosuè.

Ma Fava non c’è. Un’assenza destinata a fare notizia visto che Fava, dopo la sua sfida congressuale a Matteo Salvini, è divenuto il punto di riferimento nazionale per la minoranza interna. Ed è uomo fidato di Roberto Maroni.

«Si tratta di un dispetto di cui prendo atto - commenta - qualcuno ha paura della mia candidatura e questo mi rincuora. La decisione sulla formazione delle liste, in realtà, non spetta al direttivo provinciale ma è un segnale chiaro. La mia proposta di candidatura per le regionali rimane e saranno gli organismi competenti a decidere. La circoscrizione Oglio Po ha rivendicato il mio nome all’unanimità e mi sembra singolare che a cercare di escludermi siano persone a loro volta candidate. Prendo atto che lo hanno fatto senza dare alcuna motivazione politica formale».

«Abbiamo fatto una valutazione di merito e scelto persone nuove, a parte Claudio Bottari e Irene Aderenti - spiega il segretario provinciale, Antonio Carra - ci sono tutti i nostri sindaci, persone visibili e capaci. Cosa fondamentale è che sono tutti sono affidabili politicamente. Le qualità di Fava sono indubbie , ma era giunto il momento di rinnovare. Lui ha già fatto 15 anni di esperienza, come sindaco, consigliere provinciale, deputato e assessore regionale. Ora può lasciare il posto a persone nuove. Questa segreteria vuole dare una spinta al rinnovamento di persone, di linea e di filosofia. Dopo un lungo commissariamento ora c’è un organismo che fa delle scelte».
Ecco i 26 nominativi che la Lega mantovana propone ai vertici del partito: Irene Aderenti, Paola Bergamaschi, Paola Bollini, Claudio Bottari, Roberta Bottesini, Sandra Buratti, Alessandra Cappellari, Luciano Carminati, Antonio Carra, Giovanni Cavatorta, Chiara Cobelli, Andrea Dara, Annalisa Gazzani, Massimiliano Gazzani, Erika Gazzurelli, Lorena Ghezzi, Daniela Ghidini, Cataldo Giosuè, Elena Gobbi, Sergio Magni, Stefano Meneghelli, Marcello Palvarini, Giorgio Peladoni, Alessandro Sarasini, Edi Scaini, Gaby Camelia Tiron.

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro