Quotidiani locali

monzambano, ponti sul mincio

Centoventi cavalli sfilano per Sant’Antonio

Partecipanti anche da Trento, Brescia, Verona e Vicenza. Tanta gente per strada per ammirare il passaggio. Alla fine rinfresco per tutti

MONZAMBANO-PONTI. Una bella giornata di sole ha accolto, a Monzambano, l’arrivo di centoventi cavalli e cavalieri, in occasione della celebrazione di Sant’Antonio Abate, provenienti non solo dal mantovano, ma anche dalle province di Trento, Brescia, Vicenza e Verona.

Il corteo, partito da Ponti sul Mincio, dopo aver percorso i sentieri di campagna dei due comuni, è approdato agli impianti sportivi di Monzambano per poi avanzare, intorno alle 11 in via Umberto I, e dirigersi al sagrato della chiesa di San Michele Arcangelo per la benedizione degli animali a cura di Don Riccardo Crivelli.

La sfilata dei cavalli


Insomma, uno spettacolo particolarmente atteso ed imponente, tant’è che la popolazione si è riversata in strada per ammirare la sfilata. C’erano famiglie, nonni con i nipotini, molti giovani, e soprattutto tanta allegria. I volti dei bambini irradiavano una gioia contagiosa, mentre gli adulti, forse per un momento, hanno dimenticato le difficoltà e i crucci quotidiani. Non sono mancate le autorità, tra cui segnaliamo il sindaco Giorgio Cappa e parte dell’amministrazione, così come l’ex prima cittadina, Angiolina Bompieri.

Tornando alla manifestazione, nata nel 2011 come una festa di paese da un’idea di don Luigi Milani e Claudio Baroni, oggi vanta una partecipazione sempre più numerosa di ranch e club, trasformandosi così in un’iniziativa per appassionati del settore. Citiamo alcuni gruppi, tra cui il Bega’s Ranch, El gran Vayo, l’Associazione Natura a Cavallo e il maneggio di Zenegaglia Mauro, Tania, Patrizia e Mario di prossima apertura a Ponti. Come ha raccontato Baroni, la prima edizione vide l’adesione di circa 13 cavalli. Di anno in anno, grazie al passaparola, il numero è salito superando il centinaio e destinato ad aumentare. Una bella soddisfazione per il municipio e per la popolazione, orgogliosa di tanto interesse per il proprio paese.

Difatti, è importante citare anche importanti collaborazioni nell’organizzazione della giornata, come la presenza della delegazione mantovana di Pellegrino Sereni, rappresentante del gemellaggio tra Mantova e Weingarten, la cittadina tedesca in cui si in cui si tiene la cosiddetta cavalcata del sangue di Cristo. Ed il rinfresco a cura di Coldiretti, a base di alcune deliziose tipicità, tra cui la focaccia, gli stuzzichini a base di acciughe e ricotta, vin brulè e l’immancabile “fugasì de Monsambà”. L’evento è terminato con il consueto pranzo a Corte Cavalli di Ponti, per poi concludere la giornata con una passeggiata nel cuore delle Colline.

Elisa Turcato
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon