Quotidiani locali

Vai alla pagina su Elezioni politiche 2018
Regionali: prime 11 liste, cinque a sostegno di Gori
elezioni 2018

Regionali: prime 11 liste, cinque a sostegno di Gori

Un sindaco Pd a capo di Obiettivo Lombardia. I Pensionati con il centrodestra. Oggi a mezzogiorno scade il termine per depositare in tribunale le candidature 

MANTOVA. Sono undici le liste per le elezioni regionali presentate venerdì, 2 febbraio, in Tribunale, nel primo giorno utile. Il termine scade sabato, 3 febbraio, alle 12 e c’è da stare sicuri che l’elenco dei partecipanti si arricchirà di altri protagonisti. Per ora, in testa figura il candidato governatore del centrosinistra Giorgio Gori con cinque liste a suo sostegno, seguito dal quello del centrodestra, Attilio Fontana, con due. Gli aspiranti presidenti del Pirellone con una mono-lista, per ora, sono Onorio Rosati (Liberi e Uguali), Massimo Gatti (Sinistra per la Lombardia), Dario Violi (M5S) e Angela De Rosa di CasaPound. Alla Corte d’appello di Milano è stata depositata anche la candidatura di Giulio Arrighini per il Grande Nord, che avrà la sua lista anche a Mantova.


CENTRODESTRA. I primi ad arrivare in via Poma sono stati i Pensionati di Giacinto Boldrini: è lui il capolista, seguito da Ivana Gola e Roberto Pradella, entrambi impiegati. Forza Italia è arrivata in serata. Nessuna sorpresa rispetto al previsto: capolista è Stefano Nuvolari, stretto collaboratore della coordinatrice provinciale Baroni; seguono Anna Gandini di Monzambano, Michele Falcone di Castiglione e Lucia Prunean di Magnacavallo. Sia i Pensionati che Forza Italia appoggiano il candidato governatore Fontana.

leggi anche:



CENTROSINISTRA. A sostegno di Gori si sono presentate quattro liste civiche, più quella del Pd. È arrivata Obiettivo Lombardia per l’autonomia, il cui capolista è il sindaco di Motteggiana nonchè presidente del Consorzio dell’Oltrepò Fabrizio Nosari (Pd); in lista anche Patrizia Pezzali di Viadana, Valerio Rebuzzi, direttore della coop Alleanza di San Benedetto Po e Gessita Rossella McKinney, di Desenzano, nel 2007 candidata sindaco dell’Udeur a Castiglione. La lista Gori schiera l’ex assessore del centrodestra Arnaldo De Pietri (capolista), Barbara Blasevich, ex Ulivo, Alessandro Novellini, ex sindaco di Castiglione e Francesca Ulivi. In Insieme per Gori figurano la verde Norina Daffini di Suzzara (capolista), i socialisti Paolo Ceriani di San Giorgio e Elena Zampolli di Mantova e l’altro verde, ex assessore a Suzzara, Giulio Davolio. Lombardia progressista, gli arancioni dell’ex sindaco di Milano Pisapia, si affidano a Mila Buraschi di Moglia (capolista), Paolo Ongari e Maria Gloria Monfrini di Mantova e all’ex sindacalista Giuseppe Laferrara. Tutto come previsto nel Pd. Capolista il segretario Antonella Forattini, con Nicola Federici di Viadana, Paola Cortese, consigliere comunale a Mantova e Marco Rodella di Castel Goffredo.

M5S. I Cinque stelle, a sostegno di Dario Violi, confermano i risultati delle regionarie: capolista il consigliere uscente Andrea Fiasconaro; seguono Raffaella Scattolon di Volta mantovana, Marco Scardovelli di Curtatone e Rosanna Panella di Mantova.

AGLI ESTREMI. Sono della partita regionale a Mantova anche CasaPound, Liberi e Uguali e Sinistra per la Lombardia. Liberi e uguali schiera il coordinatore provinciale di Si, Fausto Banzi (capolista), Maria Grazia Coffetti di Piubega, Marco Cerri di Suzzara e Francesca Gatti di Motteggiana. Sinistra per la Lombardia risponde con Cesare Azzetti (ex sindacalista), Rossana Villella, Lineo Zangrossi di Mantova e Rita Scapinelli, segretaria provinciale di Rifondazione. CasaPound mette in campo Ronni Bottazzi di San Benedetto Po, Laura Baroni, Lorenzo Simoncini e Simona Casari di Mantova.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori