Quotidiani locali

asola 

Il cibo dipinto e quello vero: protagonisti gli studenti

ASOLA. Spirito d’iniziativa, voglia di fare e collaborazione. Sembra proprio che queste qualità siano presenti negli studenti degli Istituti Falcone e San Giovanni Bosco di Gazoldo degli Ippoliti,...

ASOLA. Spirito d’iniziativa, voglia di fare e collaborazione. Sembra proprio che queste qualità siano presenti negli studenti degli Istituti Falcone e San Giovanni Bosco di Gazoldo degli Ippoliti, protagonisti di un’iniziativa in occasione della mostra “Il Cibo Dipinto” al museo civico Bellini.

«Nell’arco della mattinata gli alunni hanno presentato alcuni dipinti esposti. Un lavoro di ricerca e studio svolto dai giovani nelle aule della struttura» spiega il professore d’arte Ruggero Remaforte. Gli studenti dei percorsi professionali, invece, hanno preso spunto da alcune opere e le hanno ricreate con gli ingredienti disponibili grazie alla maestria appresa in classe. All’evento, pensato interamente per le scuole, gli alunni di terza del liceo scientifico di Asola, due classi quarte dell’Istituto di Gazoldo, indirizzo Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera, suddivisa in 4b sala bar e 4c cucina e, infine, il consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze. Sotto i riflettori l’opera di Rodolfo Lodi, detto lo Sportarolo, dal titolo “Alzata con dolci, mandorle zuccherate e una caffettiera”.

Il tutto è stato possibile grazie all’idea di una docente, Anna Maria Baboni, in collaborazione con Vincenzo Denti e l’assessore alla cultura Luisa Genevini.

Presenti anche altri insegnanti: Maria Grazia Bertoni, Anna Maria Dall’Aglio, Antonio Cavallaro, Elisa Azzini e Sara Superchi.

(v.g.)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon