Quotidiani locali

mantova

In arrivo 6 milioni per le scuole mantovane

Miglioramento sismico: la cifra più consistente a Cavriana dove nascerà il nuovo polo, soldi per sette Comuni

MANTOVA. Il bando triennale 2017-2019 per l’edilizia scolastica è stato pubblicato il 7 febbraio sul sito web del ministero della Pubblica istruzione. La buona notizia è che la cifra totale messa a disposizione dal governo è pari a 1,058 miliardi di euro da utilizzare per l’adeguamento antisismico degli edifici scolastici.

Le risorse, che provengono dal maxi fondo della presidenza del Consiglio, sono assegnate dal Miur con la legge di bilancio 2017. A dicembre il ministro Valeria Fedeli ha firmato il decreto che ha completato l’iter. I finanziamenti serviranno prioritariamente per interventi di adeguamento sismico, di nuova costruzione per sostituzione degli edifici esistenti (nel caso in cui l’adeguamento sismico non sia conveniente), per interventi finalizzati all’ottenimento del certificato di agibilità delle strutture, interventi di messa in sicurezza resisi necessari a seguito delle indagini diagnostiche sui solai e sui controsoffitti, interventi per l’adeguamento dell’edificio scolastico alla normativa antincendio previa verifica statica e dinamica dell’edificio. La notizia era attesa anche nella provincia di Mantova, che ha usufruito di finanziamenti pari a 5,8 milioni complessivi.

CAVRIANA. Di questi la cifra più consistente è arrivata a Cavriana, il comune morenico che beneficerà di tre milioni per la costruzione del nuovo polo scolastico. L’amministrazione Cauzzi aveva presentato il bando tre anni fa ed era pronta a ripresentarne un altro. La notizia di ieri, invece, ha di fatto reso possibile a quello che da inizio mandato era uno dei progetti, e cioè la realizzazione delle nuove scuole elementari e medie, che a questo punto verranno realizzate in piazzale San Sebastiano. Ai tre milioni che sono arrivati a fondo perduto per la costruzione della scuola, si aggiungerà il milione che il Comune dovrà aggiungere per completare l’opera.

Un progetto da quattro milioni di euro, dunque, che poterà alla realizzazione di una scuola nuova con dieci aule per la elementare, una nuova palestra (il doppio dell’esistente), quattro nuovi laboratori, sei aule per le scuole medie che saranno posizionate al secondo piano con due laboratori da 75 metri quadrati l’uno. Un progetto, dunque, che dà il via ad una spesa di oltre cinque milioni, soldi che erano stati messi in preventivo per sistemare le scuole elementari e medie storiche che si trovano in paese e che, seguito della variazione di classe sismica (da 3 a 2), necessitano di lavori importanti di adeguamento sismico.

OSTIGLIA. Un milione di euro. Sarà la media di via Bonazzi l’oggetto dell’intervento per quanto riguarda Ostiglia. Il Comune aggiungerà altri 271mila euro. Prevista la realizzazione dell’involucro esterno o cappotto, la sostituzione dei serramenti, il rifacimento dei servizi igienici, la ritinteggiatura dei locali, la sostituzione delle porte e un’ulteriore coibentazione nel seminterrato e nel sottotetto. Dal punto di vista strutturale, previsti interventi di rinforzo tra elementi strutturali diversi, la sostituzione dell’impianto elettrico e il miglioramento di quello termico. L’amministrazione attende ora dal ministero la comunicazione ufficiale relativa alla tempistica della documentazione da presentare per quanto riguarda il progetto definitivo ed esecutivo. Il Comune aveva già partecipato due anni fa ad un bando regionale relativo all’adeguamento sismico. «Grazie a questi interventi si renderà più funzionale la scuola - commenta il sindaco Valerio Primavori -, creando un ambiente più accogliente, moderno e tecnologico per gli alunni, gli insegnanti e il personale che opera all’interno».

MOTTEGGIANA. Il contributo di 992mila euro consentirà di realizzare un sogno a lungo coltivato dall’amministrazione comunale di Motteggiana: la realizzazione della nuova scuola elementare. Il Comune, che contribuirà con una cifra di circa 200mila euro, aveva da tempo predisposto il progetto. Il nuovo plesso sorgerà entro 18 mesi alle spalle della scuola attuale, la Fochessati di via Roma. Quest’ultima diverrà la sede dell’archivio Daffini e ospiterà spazi dedicati alla cultura. Un punto di ritrovo per la comunità e un luogo che possa custodire la memoria storica del paese. Nel comune era stata realizzata nel 2014 la nuova mensa con una spesa di 180mila euro. Si trattava del primo dei due lotti inserito nel programma opere pubbliche per la creazione della nuova scuola. «Da anni inseguivamo la possibilità di costruire la nuova scuola - le parole del primo cittadino Fabrizio Nosari -. Abbiamo partecipato in passato a svariati bandi. Ora questa bella sorpresa».

CARBONARA DI PO. Riguarderà l’adeguamento sismico della palestra l’intervento previsto per Carbonara di Po. La cifra stanziata è di 288mila euro. La struttura viene utilizzata dagli alunni delle elementari e delle medie di via Ungaretti. Il plesso scolastico era già stato oggetto di un miglioramento sismico negli scorsi anni. Il progetto è pronto e la volontà dell’amministrazione Motta è quella di far scattare i lavori il prima possibile. Il cantiere dovrebbe comunque aprirsi entro l’anno. La palestra avrà una duplice funzione, visto che fungerà anche da punto di ritrovo comunale in caso di emergenze.

QUISTELLO. l 237mila euro destinati a Quistello permetteranno di realizzare il quarto e ultimo stralcio di lavori di adeguamento sismico alle elementari e medie di via Allende. Le strutture, risalenti agli anni Settanta, non avevano subito lesioni con il sisma, ma si era deciso comunque di elevare il grado di resistenza antisismica. La pratica è al momento alla fase dello studio di fattibilità. «Una grande soddisfazione - commenta il sindaco Luca Malavasi -. L’edificio aveva già ottimi standard di sicurezza, al termine di questo ultimo lotto di interventi sarà una struttura moderna».

SABBIONETA. Lavori in arrivo anche per scuole elementari e medie di piazza D’Armi a Sabbioneta. L’edificio era stato oggetto di un intervento di consolidamento sismico già lo scorso anno. Il cantiere aveva interessato in particolare i sottotetti. La spesa, di circa 300mila euro, era stata coperta dall’assicurazione per i danni del sisma. Ecco ora i 120mila euro che verranno utilizzati per completare gli interventi in programma.

CASTIGLIONE. Per quanto riguarda invece il Comune di Castiglione delle Stiviere, il finanziamento di 60 mila euro è per la scuola Cesare Battisti. Si tratta dello storico edificio delle elementari che si trova nel cuore del paese. La cifra erogata servirà per un intervento di adeguamento e miglioramento strutturale.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon