Quotidiani locali

mantova

Acqua meno cara con Tea. Nella Bassa sarà stangata

Aimag chiede il 50% in più rispetto a via Taliercio, che avrà gli aumenti dal 2019. Nell’Alto Mantovano con Sicam ritocchi all’insù. Gestore unico il prossimo anno 

MANTOVA. L’acqua è un bene limitato e costoso, ma per i cittadini dei sette Comuni della Bassa gestiti da Aimag consumarla significa esporsi ad una stangata. L’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente ha approvato le tariffe 2016-2019 per quattro gestori (Aqa, Sicam, Tea Acque e Aimag), mentre non si è ancora espressa su quelle di Ireti che gestisce il servizio idrico integrato a Viadana e a Gazzuolo. Gli utenti di Aimag vedranno, quest’anno, lievitare la loro bolletta del 5,51% e l’anno prossimo del 5,85%, mentre quelli degli altri gestori avranno incrementi irrisori o addirittura delle diminuzioni rispetto al 2017.

AIMAG. L’autorità garante ha dato l’ok agli aumenti del 6% per la tariffa 2016, del 5,93% per quella del 2017, del 5,51% per quella di quest’anno e del 5,85% per quella del 2019. Ciò significa che gli utenti dovranno anche pagare il conguaglio per i due anni passati. Secondo una simulazione fatta dall’azienda speciale di ambito, quest’anno una famiglia di tre persone che consuma in media 150 metri cubi di acqua all’anno, residente nei Comuni di Quistello, San Giacomo delle Segnate, San Giovanni del Dosso, Revere, Poggio Rusco, Borgofranco e Moglia pagherà ad Aimag 316,58 euro, 15 in più rispetto all’anno scorso. L’azienda fa notare che il costo è quasi del 50% più alto di quello sostenuto dai clienti Tea nella quarantina di Comuni gestiti.

TEA. La simulazione, infatti, riferita alla multiutility per il 72% in mano al Comune di Mantova, parla di una bolletta di 211,76 euro (2,84% in meno rispetto al 2017), che per i cittadini residenti nei due Comuni di Porto Mantovano e San Giorgio (ex Asep) scende a 168,63 euro (anche in questo caso il 2,84% in meno rispetto al 2017). Nel 2109 l’incremento per tutti sarà del 3,39% L’azienda speciale mette in guardia: nei prossimi anni potrebbero essere richiesti dal gestore i conguagli, ma saranno cifre molto contenute.

SICAM. La società gestisce il servizio idrico integrato in 21 Comuni dell’Alto Mantovano. Qui la bolletta annua sarà di 264,58 euro, lo 0,26% in più rispetto al 2017 che, a sua volta era diminuita dello 0,20% rispetto al 2016 quando vi fu un incremento dell’1,6%. Nel 2019 la tariffa aumenterà dello 0,81%. I residenti a Castiglione delle Stiviere, serviti da Aqa, pagheranno 198,14 euro, con un aumento dello 0,42% rispetto al 2017. Nel 2019 l’incremento sarà di 3,39%(nel 2016 c’era stato un +5,5% e nel 2017 un +1,58%). Anche qui potrebbe essere richiesto il conguaglio.

UNICO. La giungla di tariffe impone di arrivare al più presto al gestore unico del servizio idrico. «Siamo a buon punto - dice Peri, direttore dell’azienda speciale -Prevediamo che il gestore unico possa partire dal 1° gennaio 2019 e per questo stiamo già preparando il piano industriale. Sarà Aqa ad affittare i rami d’azienda da Sisam e da Tea. Entro il primo semestre 2018 il socio privato in Tea Acque e in Sisam scenderà al 20%.

BILANCIO. Ieri il consiglio provinciale ha dato l’ok all’unanimità al bilancio preventivo dell’azienda speciale che chiude in pareggio sui 393mila euro, per la maggior parte destinati a finanziare i costi di struttura e del personale. Sono previsti corposi investimenti da parte dei gestori (15-18 milioni di euro, in linea con lo sforzo fatto dal 2012 al 2017, quando si passò da 7,5 milioni a 17). Dalle tariffe del servizio idrico l’azienda raccoglierà 260mila euro, mentre il resto arriverà dai contributi e dai controlli sugli scarichi delle industrie nelle fognature pubb liche. «Nel 2016 - dice Peri - abbiamo fatto 14 controlli e sanzionato 8 aziende, nel 2017 siamo passati a 24 e a 11 multe. Quest’anno prevediamo una trentina di controlli».
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori