Quotidiani locali

AGRICOLTURA

Lanzi lascia dopo 43 anni, la Cia ha un nuovo direttore

L’addio dopo una vita passata nell’associazione. Conti alla guida dell’area Mantova-Brescia-Cremona

MANTOVA. Nuovo direttore per la Cia Est Lombardia. La giunta dell’associazione di categoria ha nominato il bresciano Paolo Conti, che sostituirà Mario Lanzi.

Paolo Conti vanta esperienze lavorative nel settore agricolo, con incarichi manageriali per aziende a indirizzo cerealicolo, zootecnico e vitivinicolo, sia in Italia che all’estero. Il nuovo direttore proseguirà nel percorso di lavoro tracciato dalla giunta e dal presidente Luigi Panarelli, riconfermato alla guida della Cia Est Lombardia nel congresso dello scorso 19 gennaio a Montichiari. Un percorso che ha portato alla costituzione di un’unica entità confederale interprovinciale (Brescia, Cremona e Mantova) e che darà sempre maggiore importanza a temi quali la qualità, la sicurezza, l’ambiente e il credito agrario.

Necessario, per questo, sviluppare i servizi esistenti e individuarne di nuovi, con l’obiettivo di dare ai 3000 agricoltori associati strumenti di lavoro sempre più efficienti. Attenzione anche ai giovani agricoltori, con un supporto interdisciplinare che li aiuti nel percorso di diversificazione delle attività produttive e nel processo di rinnovo generazionale.

«Abbiamo impostato le basi per il nostro futuro. Vogliamo essere ancora più presenti nelle aziende – spiega Luigi Panarelli – e sui territori. Anche per questo, nelle nostre tre province abbiamo identificato otto zone, che avranno ognuna un gruppo di rappresentanza, con luoghi fisici in cui gli imprenditori associati potranno incontrarsi e confrontarsi. Ci sarà, quindi, una politica comune per tutta la Cia Est Lombardia, ma, attraverso la capillarità sul territorio, i problemi che affronteremo saranno quelli sollevati dalla nostra base».

Paolo Conti, nuovo direttore Cia
Paolo Conti, nuovo direttore Cia

Al direttore uscente Mario Lanzi, da 43 anni in associazione, con un trascorso da presidente provinciale e regionale, i ringraziamenti per gli obiettivi raggiunti: «Lanzi è stato una figura chiave nel momento in cui abbiamo deciso di mettere insieme le tre province – prosegue Panarelli –, perché si è impegnato a livello amministrativo ed è riuscito nel difficile compito di creare una squadra coesa. Le tre province lavoravano, ovviamente, con metodi diversi, e Lanzi è riuscito a creare armonia. Non possiamo, quindi, che ringraziarlo».

Lanzi andrà in pensione, ma il suo impegno nel mondo agricolo proseguirà: fino alla fine del mandato rimarrà presidente della società di servizi di Cia e dei Magazzini fiduciari Mps, e componente del Comitato paritetico provinciale. Un augurio di buon lavoro va, invece, a Conti: «Sappiamo che Paolo Conti, figura scelta al di fuori del nostro sistema associativo, ha maturato molte esperienze in ambito organizzativo. Ci aspettiamo, quindi, che porti queste capacità in Cia Est Lombardia».

Sabrina Pinardi
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori