Quotidiani locali

trasporti

Caos treni Brescia-Parma. Ora va in tilt anche il sistema informatico

Asola. Niente notizie sui ritardi per i pendolari imbufaliti. Guasto riparato al mattino, nel pomeriggio nuovi problemi 

ASOLA-CANNETO. Ritardi e guasti della linea ferroviaria Brescia-Parma ormai non fanno quasi più notizia. Una via crucis quotidiana per i pendolari, rassegnati e sempre più scatenati con le segnalazioni sui social.

Il 17 febbraio, una nuova puntata, arricchita da un ulteriore disservizio che sa di beffa. Ad andare in tilt, infatti, come riconosciuto dalla stessa Trenord, è stato il sistema di rilevamento che permette di conoscere in tempo reale i ritardi dei convogli. Non solo, dunque, lunghe soste in stazione per studenti e lavoratori, ma l’impossibilità di conoscere online l’entità dell’attesa. Risultato, fermate affollate, appuntamenti persi e rabbia che esplode sul web. In mattinata la situazione peggiore.

Ritardi nell’ordine dei 15’-20’ per molti convogli, con picchi di mezz’ora e anche superiori. Esempio, il treno partito da Parma alle 8.13, che a Casalmaggiore aveva già accumulato più di 50’ di ritardo. Una situazione insostenibile, come più volte denunciato dai pendolari, associazioni e amministratori locali. Un quadro che ha costretto Legambiente, nella sua indagine Pendolaria, ad inserire la Brescia-Parma nell’elenco delle dieci peggiori linee ferroviarie d’Italia.

Novità di ieri, dunque, il blackout degli aggiornamenti in tempo reale. Aggiornamenti online, visto il caos ritardi, seguiti ogni giorni minuto per minuto, e con una buona dose di apprensione, da studenti e lavoratori. Una prima segnalazione del disagio arriva già nella prima mattinata con Trenord che parla di «guasto ai sistemi di rilevamento del gestore dell’infrastruttura». Le informazioni in tempo reale vengono successivamente definite «poco attendibili». Alle 11.42 quella che sembra una schiarita: «I sistemi di rilevamento sono tornati a funzionare correttamente».

Solo un’illusione, però, perché alle 15.06 Trenord annuncia che «i sistemi di rilevamento sono momentaneamente guasti». Un balletto di informazioni che ha fatto indispettire non poco gli utenti, molti dei quali mantovani. La linea, infatti, ferma nelle stazioni di Asola e Canneto sull’Oglio, ma viene utilizzata anche da molti pendolari del Viadanese, in particolare di Sabbioneta.


 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro