Quotidiani locali

LA PROTESTA

Minoranze di Porto: «Vendere il bosco uno sfregio per tutti»

Il 22 in consiglio il piano di alienazione dell'amministrazione e la mozione contraria dell'opposizione

PORTO MANTOVANO. «La decisione dell’amministrazione comunale di mettere in vendita il Bosco dei nuovi nati, deliberata nel consiglio comunale del 30 novembre 2017, è uno sfregio ai bambini, alle loro famiglie che nel 2014 avevano aderito all’intitolazione degli alberi piantati nel bosco dei nuovi nati». Uno sfregio: così le minoranze consigliari di Porto Mantovano unite descrivono la prossima alienazione del terreno di via Marco Biagi, dove attualmente si trovano gli alberelli, decisa dal Comune. Il 22 febbraio la decisione della giunta Salvarani andrà in consiglio comunale. In quell’occasione le minoranze di Vivere Porto, Voi per Porto, Porto Partecipazione e l’Associazione Vivere Porto esporranno la mozione in cui chiedono lo stop a questa iniziativa. E lo faranno forti di una petizione con tanto di 700 firme raccolte.

Bosco dei nuovi nati, le minoranze di Porto al Comune: non vendete quel terreno «La decisione dell’amministrazione comunale di mettere in vendita il Bosco dei nuovi nati, deliberata nel consiglio comunale del 30 novembre 2017, è uno sfregio ai bambini, alle loro famiglie che nel 2014 avevano aderito all’intitolazione degli alberi piantati nel bosco dei nuovi nati». Uno sfregio: così le minoranze consigliari di Porto Mantovano unite descrivono la prossima alienazione del terreno di via Marco Biagi, dove attualmente si trovano gli alberelli, decisa dal Comune. Il 22 febbraio la decisione della giunta Salvarani andrà in consiglio comunale. In quell’occasione le minoranze di Vivere Porto, Voi per Porto, Porto Partecipazione e l’Associazione Vivere Porto esporranno la mozione in cui chiedono lo stop a questa iniziativa. E lo faranno forti di una petizione con tanto di 700 firme raccolte. (video Di Gangi)


«Quest’area destinata a boscodoveva essere la prima di altre aree ospitanti gli alberi dei nuovi nati nel 2014 e negli anni successivi. Non solo si è disattesa la delibera, ora vengono offese le famiglie che hanno partecipato alla festa di inaugurazione».

Lucia Pasotti di Vivere Porto, Giampaolo Voi e Claudio Freddi di Voi per Porto, Franco Masenelli di Porto Partecipazione, Gianfranco Bettoni dell’Associazione vivere Porto hanno invitato la stampa proprio lì sul terreno che ospita il Bosco dei nuovi nati. «Vede, qui è un posto molto bello, dietro di noi c’è la campagna, davanti quella che doveva essere la futura area feste Ca’ Rossa, il parco giochi. Volevamo che restasse così, area verde, un bosco tra le case. E poi c’è il valore affettivo di questi 144 alberelli dedicati ad altrettanti bambini. Adesso a dire il vero sono meno, perché non essendoci impianto di irrigazione molti sono morti. Invece il Comune ha pensato solo a monetizzare il terreno, 1.150.000 euro, 172 mq. E qui sorgeranno forse dei condomini. Gli alberelli verranno spostati chissà dove e sicuramente moriranno. Ma non si può ridurre tutto solo al guadagno. Di cemento in questo paese ce n’è fin troppo. Un tempo era il Comune giardino, cerchiamo di riportarlo a quell’idea». (dm)
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro