Quotidiani locali

La lingua madre entra nelle scuole

Giornata internazionale a Castiglione. E tutti cantano Guantanamera in dialetto

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Oltre 200 studenti e studentesse dell'Istituto Comprensivo I di Castiglione delle Stiviere hanno celebrato la Giornata Internazionale della Lingua Madre nella sede di via Gridonia Gonzaga.

«Ancora una volta ci troviamo a lavorare nel nostro istituto» afferma il preside Angelo Gandini dando il via all'iniziativa, «sul tema dell'incontro e della convivenza. Affrontiamo la diversità, consapevoli che è ciò che ci accomuna e che rende più ricchi». L'evento vede protagonisti gli alunni e le alunne delle scuole elementari e medie di Castiglione e di Medole (che fa parte del Comprensivo I) e gli insegnanti, che partecipano attivamente accanto alle loro classi. La multiculturalità delle classi permette, infatti, di poter creare dei momenti di recita e di canto che presentano alla platea le lingue madri di molti compagni che arrivano dai paesi europei ed extra-europei.

C'è spazio, dunque, per un canto-preghiera in nigeriano, in indiano e in cinese. Filastrocche e poesie vengono lette in rumeno, croato, kosovaro ed albanese. Spazio anche al dialetto, esperimento che vede mettersi in gioco le stesse insegnanti che non sono originarie di Castiglione delle Stiviere. Guantanamera, nota canzone popolare cubana le cui origini risalgono al XIX secolo, viene tradotta in dialetto castiglionese e tutta la platea canta guidata dall'insegnante originaria della Sicilia.

C'è spazio poi per le canzoni in lingua rumena e per gli inni nazionali. Interessante e coinvolgente l'esperimento della favola Il lupo e l'agnello che viene letta in cinese, albanese, serbo, arabo, dialetto castiglionese e siciliano. (l.c.)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro