Quotidiani locali

Vai alla pagina su Lavoro
mantova

Crescono i fatturati, non gli investimenti

Allarme della Cgi per il settore manifatturiero: risorse ancora inadeguate alla ripresa di produzione ed export, resta al palo l’occupazione stabile  

MANTOVA. Lieve ripresa del settore manifatturiero, con fatturati e marginalità in crescita e in linea con il 2008-2009, ma investimenti inadeguati a una fase di rilancio e occupazione stabile ancora al palo. Dati provinciali alla mano, è la Filctem Cgil di Mantova a svelare le due facce di una ripresa schizofrenica e a chiedersi, attraverso il suo segretario generale Ferdinando Colleoni, dove sia finito il “tesoretto” che le imprese stanno accumulando grazie alla crescita della produzione registrata da due anni a questa parte.

leggi anche:



SEGNALI DI RIPRESA. Secondo il rapporto economico della provincia di Mantova stilato dalla Camera di Commercio, il settore manifatturiero ha registrato nel 2016 una ripresa della produzione con un incremento del 2,3% superiore alla media regionale (1,3%) che ci colloca al secondo posto in Lombardia, dopo Lodi. Anche il fatturato è cresciuto del 3% su base annua rispetto al 2015, più della media lombarda che si attesta al +2,6%.

CRESCONO LA PRODUZIONE... Variazioni positive si registrano nel 2016 nella produzione in quasi tutti i comparti a eccezione della chimica (-0,5%): +5,7% minerali non metalliferi, +5,2% tessile, +5% mezzi di trasporto, +,3,9 meccanica, +3,5% gomma-plastica, +2,8% siderurgia, +1,1% alimentari, stabile l’abbigliamento. In Lombardia le variazioni migliori riguardano siderurgia (+2,7%), meccanica (+2%), gomma-plastica (+1,4%), chimica (+1,2%) mentre tessile (-0,2%) e alimentare (-0,2%) registrano contrazioni.

...E GLI ORDINATIVI. L’export nel biennio 2015-2016 risulta in crescita e chiude il 2016 con un +2,5%. Nel complesso gli ordinativi esteri nel 2016 sono cresciuti del 3,1% a Mantova (in Lombardia del 3,9%) e quelli interni del 2% (2,2% in Lombardia). Secondo gli imprenditori mantovani, riferisce la Filctem, le materie prime sono cresciute complessivamente nel 2016 dell’1,2% mentre i prezzi dei prodotti finiti hanno avuto un calo dello 0,1%.

«POCHI INVESTIMENTI». Osserva il sindacato che sono il 53,5% del totale le imprese manifatturiere mantovane che nel 2016 hanno dichiarato di aver compiuto investimenti, in calo rispetto al 55,2% del 2015. «Mantova è al terz’ultimo posto tra le province lombarde, il valore degli investimenti nel 2016 è cresciuto del 3,4% molto meno della media regionale (+17,6%). È però aumentata la percentuale di fatturato destinato agli investimenti passato dal 3,5% al 5,1%, ma anche qui siamo sotto la media lombarda che è al 6,1%». I settori che hanno maggiormente investito sono abbigliamento (16,1%), carta e stampa (8,3%) e mezzi di trasporto.

OCCUPAZIONE STABILE AL PALO. Secondo la Filctem la ripresa in corso non ha prodotto un’occupazione stabile: «Sono diminuiti del 25% i contratti a tempo indeterminato a favore di contratti a tempo determinato cresciuti anche nel settore manifatturiero come in molti altri settori produttivi». Delle 4.400 assunzioni programmate nel 2016 in provincia, 500 riguardavano laureati (11%), 1.730 diplomati (39%), 870 con qualifica professionale (205) e per 1.300 non era richiesta alcuna formazione scolastica precisa (29%).


 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro