Quotidiani locali

CASTEL D'ARIO

Il sogno americano di Matilde: a 33 anni al top dei videogiochi

Da Castel d’Ario alla California per lavorare alla Blizzard. «Passione nata da studentessa. Tornare? Forse più avanti»

CASTEL D’ARIO. Nel 1966 era in voga una famosa canzone dei The Mamas & the Papas (California dreamin’) poi ripresa in Italia dai Dik Dik con Sognando la California. Cinquant’anni dopo per Matilde Controzorzi, 33enne casteldariese, questo sogno è diventato una realtà. È una delle decine di migliaia di giovani laureati italiani che scelgono di andare all’estero per lavorare. Ha lasciato l’Italia nel 2012 per seguire la sua passione per i videogiochi che ha sempre avuto, fin da bambina. Dal 2017 lavora nella sede centrale della Blizzard Entertainment ad Irvine, vicino a Los Angeles, in California, dove si occupa di gestire progetti di scala globale nel campo del marketing legato ai videogiochi sviluppati dalla Blizzard.

Dopo il diploma al liceo scientifico Belfiore a Mantova, si trasferisce a Bologna per studiare Economia aziendale. «È qui che grazie ad alcuni amici che inizio a giocare a World of Warcraft, il videogioco che ha cambiato per sempre la mia vita e la mia carriera» sottolinea Matilde. Durante i primi anni di università inizia a interessarsi anche agli aspetti legati allo sviluppo dei videogiochi. «Il mio sogno nel cassetto era di andare a lavorare per l’azienda americana Blizzard Entertainment che ha sviluppato World of Warcraft, ma anche Diablo e Warcraft II, i giochi della mia infanzia».

La creature di un videogioco Blizzard
La creature di un videogioco Blizzard

Finita la laurea triennale Matilde si iscrive a Bologna al nuovo corso di laurea in Scienze di Internet, una nuova laurea a metà tra l’economia e l’informatica. Nel 2009, finita la specialistica, si iscrive a uno dei primi master italiani completamente dedicati all’industria dei videogiochi. Dopo alcune esperienze lavorative nel campo marketing e pubbliche relazioni, decide di ampliare le proprie esperienze nel campo videoludico e di collaborare gratuitamente nel tempo libero con il principale sito web italiano dedicato ai videogiochi Blizzard.

Nell’estate 2011 la sede europea di Blizzard Entertainment cerca un Community manager italiano. Matilde presenta domanda di assunzione e dopo alcuni colloqui telefonici viene invitata a presentarsi in Francia per sostenere il colloquio finale e poco prima di Natale viene assunta. Nel gennaio 2012 si trasferisce in Francia per lavorare alla sede europea di Blizzard Entertainment, a Versailles, dove rimane cinque anni ricoprendo vari ruoli. Però Matilde ha ancora fame di conoscenze e nuove esperienze.

Così nel 2017 chiede ed ottiene di essere trasferita nella sede centrale ad Irvine, un’ora a sud di Los Angeles, in California. «Ritornare in Italia? I ricordi dei luoghi in cui ho vissuto, della mia famiglia e degli amici mi farebbero venir voglia di tornare tra qualche anno, dopo aver fatto ancora più esperienza qui negli Stati Uniti. Dall’altro lato, però sono consapevole che la situazione lavorativa italiana non è cambiata per niente da quando me ne sono andata sei anni fa e, specialmente nel mio campo, non ci sono opportunità lavorative agli stessi livelli. Per ora, quindi, l’idea è di rimanere qui e vedere quali opportunità mi riserverà il futuro».

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro