Quotidiani locali

Ponte sul Po di Casalmaggiore: c’è l’accordo, via al progetto di Parma

Alla Provincia emiliana il fondo di 12 milioni di euro per l’intervento. La presentazione martedì 6 marzo a Colorno: si conosceranno i tempi dei lavori

CASALMAGGIORE . Le province di Parma e Cremona hanno stipulato il protocollo d’intesa richiesto dal ministero delle Infrastrutture per il ponte sul Po di Casalmaggiore: di conseguenza, a breve termine potranno essere attivati i fondi messi a disposizione dal Governo per la manutenzione straordinaria dell’infrastruttura. L’accordo tra i due enti coinvolge anche il ponte Roccabianca-S. Daniele Po.

leggi anche:

L’intesa, come spiega una nota della Provincia di Parma, è stata raggiunta con un anticipo di quasi un mese, rispetto alla scadenza prevista dal decreto ministeriale. Nel protocollo, i due enti stabiliscono di comune intesa che Parma sia il soggetto attuatore, e quindi anche il destinatario dell’intero finanziamento di 12 milioni di euro. Se sarà necessario integrare le risorse in corso d’opera, le province si impegnano a intervenire con risorse aggiuntive. Alla Provincia di Parma faranno capo le procedure di intervento: progettazione esecutiva, validazione, acquisizione di pareri, conferenza dei servizi, gare di appalto, direzione lavori, eccetera.

leggi anche:

L'ingegner Fabio Scaroni, incaricato dalla Provincia di Parma per la progettazione dei lavori di messa in sicurezza del ponte Colorno-Casalmaggiore, nei giorni scorsi ha già consegnato il progetto esecutivo. L’elaborato è al momento sottoposto all’analisi dei tecnici ducali. Il progetto sarà presentato ufficialmente il prossimo martedì 6 marzo, alle 18 nella sede del Comune di Colorno. Nell’occasione, saranno fornite indicazioni sulla tempistica. Come noto, il ponte di Casalmaggiore è chiuso al traffico dal settembre scorso, dopo la scoperta di gravi lesioni alle travi di sostegno, tali da porre l’infrastruttura addirittura a rischio crollo. L’intervento di “incerottamento” sarà finalizzato a consentire la riapertura del manufatto nel più breve tempo possibile.

Gli esperti hanno peraltro già indicato in una decina d’anni la vita residua dell’infrastruttura: in questo lasso di tempo, bisognerà pertanto completare la costruzione di un nuovo ponte, se si vorranno evitare nuove interruzioni della viabilità. Il relativo iter è tuttavia ancora da avviare.

leggi anche:

La chiusura del ponte di Casalmaggiore ha creato disagi non solo nel Casalasco: buona parte del traffico tra Lombardia ed Emilia si è infatti riversata sul ponte Viadana-Boretto, di fatto quasi raddoppiando il numero dei veicoli che ogni giorno percorrono le tangenziali viadanesi. Per quanto riguarda il ponte di S. Daniele, da vari mesi percorribile solo a senso alternato, il progetto di ristrutturazione dovrebbe essere pronto per fine marzo.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro