Quotidiani locali

Il sindaco non ci sta «Polo tecnico regolare»

Poggio Rusco. Zacchi risponde alle accuse dell’ex geometra del Comune «Questa strutture sono costruite in deroga alla normativa sulle distanze»

POGGIO RUSCO. «Non c'è alcun abuso edilizio, queste polemiche fanno male al paese e siamo pronti a tutelare l'immagine del Comune e del paese», questa la replica del sindaco Fabio Zacchi alla denuncia dell'ex tecnico comunale Giancarlo Borsari che aveva segnalato irregolarità urbanistiche sul polo tecnico delle scuole.

Secondo l'ex tecnico il piccolo fabbricato che ospita la cabina Enel e gli impianti del complesso scolastico non rispettava le distanze dalla strada previste dal piano regolatore. «Non è assolutamente così - spiega Zacchi - come succede in tutto il mondo, le cabine di distribuzione e i locali tecnici sono in deroga a questa normativa. Il progetto è stato controllato e verificato, tutto è in regola e segue il regolamento edilizio, che è parte integrante ed attuativa del piano regolatore».

Poi il sindaco sposta l'attenzione sulla polemica in sé, che è un sintomo del clima teso e mai pacificato che si respira nel paese dopo le elezioni del giugno 2016. «È assurdo che si costruiscano dei casi che non esistono su dei cavilli - ribatte Zacchi - questo fa male all'immagine del Comune e del paese, siamo pronti a tutelare gli interessi del Comune e del paese in tutte le sedi opportune. Una cosa è l'attacco all'amministrazione sulle scelte anche politiche, e ben venga, così come le proposte e le segnalazioni dei cittadini. Ma non possiamo concepire che quotidianamente si montino dei casi inesistenti su dei cavilli, sulla base di interpretazioni personali delle norme».

Il sindaco parla poi della struttura comunale e del suo operato: «C'è stata una stagione in cui sono stati commessi sbagli nelle opere pubbliche e le segnalazioni di Borsari sono state utili. Ma quella stagione si è conclusa. L'ufficio tecnico opera con scrupolo e precisione e vengono fatte verifiche con tecnici esterni e chiedendo pareri legali, è chiaro che le continue, quotidiane, segnalazioni sul nulla creano anche problemi alla macchina burocratica, che deve poi attivarsi per controlli e verifiche. Questo non fa bene né al paese né alla comunità. In questo momento siamo impegnati sulla ricostruzione che affronta temi importanti, dobbiamo ridare al paese spazi come le scuole. Inoltre siamo concentrati sul rilancio dello sviluppo e sulla riqualificazione e auspichiamo un clima costruttivo e di collaborazione con le minoranze, che invito a non farsi trascinare in polemiche sterili. Quando si collabora e si lavora insieme si ottengono risultati che fanno bene al paese, ne vedremo alcuni esempi a breve con il bilancio».

Giorgio Pinotti

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro