Quotidiani locali

MALTEMPO

Incidenti, cadute e tir di traverso: un primo marzo di disagi per la neve

Problemi dalla Bassa a Castiglione, dove un anziano scivolato in piazza è finito al pronto soccorso. Proteste a Curtatone e a Viadana. Raffica di auto fuori slittate fuori strada. Divelti semafori e cartelli

Mantova, in auto per le strade della provincia imbiancata Giro in auto per le strade della provincia sotto la neve: da Barbasso alle porte della città, passando da Roncoferraro, Villimpenta, Bonferraro, Castel d'Ario, Stradella e San Giorgio. (foto Di Gangi)

MANTOVA. Auto fuori strada, persone finite al pronto soccorso dopo una caduta, tir che sbandano interrompendo la circolazione stradale. Disagi e proteste. Questa la cronaca della giornata complicata, quella del 1 marzo, vissuta in provincia a causa della neve. A Suzzara incidenti, disagi e lunghe code fino al pomeriggio sull’ex ss 62 della Cisa, tra Sailetto e Croce del Gallo, per un autoarticolato che si è messo di traverso impedendo la circolazione. L’autista, furibondo, ha detto di aver frenato a causa di una Volkswagen Golf che ha effettuato un’azzardata manovra di sorpasso. Per liberare la strada ono intervenute due squadre dei vigili del fuoco con tanto di autogrù.

leggi anche:

Le operazioni iniziate poco prima delle 12 sono terminate verso le 16. Un altro autoarticolato, intorno alle 7, ha creato qualche problema sulla provinciale 49, poco dopo Brusatasso vicino alla rotatoria di Polesine, verso il casello di Pegognaga dell’A22. In entrambi gli incidenti sono intervenuti i carabinieri di Suzzara coadiuvati dalla polizia locale. Molti automobilisti e camionisti si sono lamentati per le condizioni delle strade provinciali 49, 50 e 62 della Cisa.La provinciale 50 da Suzzara a Gonzaga nella mattinata era una lastra di ghiaccio mente la carreggiata opposta era più percorribile. A Moglia viabilità scorrevole ma è stato sospeso il servizio scuolabus.

L’intervento dei vigili del fuoco a...
L’intervento dei vigili del fuoco a Suzzara, tra Sailetto e Croce del Gallo, dove un tir ha sbandato

Problemi anche a Viadana, dove non sono mancate le proteste: sotto accusa gli interventi di pulizia “a macchia di leopardo”. D’altra parte il territorio comunale viadanese è di gran lunga il più esteso della provincia. Dalla serata di mercoledì i mezzi del Comune e della Provincia hanno sparso sale sulle strade di competenza. Ma gli spartineve avevano l’ordine di entrare in funzione solo quando il manto nevoso avrebbe raggiunto lo spessore di 5 centimetri. Inevitabile conseguenza: sulle strade che non sono state pulite per prime la neve è stata pressata dal passaggio delle auto dirette al lavoro, formando una crosta ghiacciata.

Mantova, in auto per le strade della provincia imbiancata Giro in auto per le strade della provincia sotto la neve: da Barbasso alle porte della città, passando da Roncoferraro, Villimpenta, Bonferraro, Castel d'Ario, Stradella e San Giorgio. (foto Di Gangi)

Intorno alle 7.30 la Kennedy (dove gli spargisale erano passati alle 21) e la provinciale in direzione Pomponesco-Dosolo erano pulite; eppure non sono mancate le segnalazioni di lastre di ghiaccio nei pressi di Buzzoletto. In centro abitato le vie Aroldi (dove gli spargisale erano passati la sera prima alle 19), XX Settembre e Lisbona apparivano completamente ricoperte di neve, così come via Fossola a S. Matteo. Segnalazioni di auto finite fuori strada a San Matteo delle Chiaviche e alla rotonda del Famila sulla Sp 49. Abbattuti anche semafori e cartelli stradali. Quanto al ponte Viadana-Boretto, per buona parte della mattinata si è potuti procedere solo incolonnati e con cautela.

Big snow, gelo lungo il Mincio Temperature polari, lo spettacolo della natura tra Formigosa e Pontermerlano nel pomeriggio di giovedì 1 marzo (video Delio Fuscati)

leggi anche:

A Bozzolo difficoltà a intervenire nella zona est, detta Siberia, per la ristrettezza dei vicolini dove si è fatto sentire il vento freddo dei giorni scorsi e a mezzogiorno  la neve era in certe viuzze incontaminata.

Spostiamoci nel Destra Secchia. Anche qui neve e ghiaccio hanno creato disagi sulle strade. Un camion è finito nel fosso vicino a Tramuschio, al confine con l'Emilia. Nonostante i mezzi spalaneve fossero operativi, la neve cadeva abbondante e poco dopo il loro passaggio le strade tornavano a coprirsi di bianco. Il manto bianco era di pochi centimetri, ma a causa della bassa temperatura era ghiacciato, questo ha creato problemi. Alcune auto sono finite nel fosso. A Poggio Rusco erano attivi diversi mezzi e la situazione delle strade era sotto controllo già nel primo mattino.

Soccorsi in piazza a Castiglione,...
Soccorsi in piazza a Castiglione, dove è scivolato un anziano

E passiamo all’Alto Mantovano. Ad Asola la neve ha fatto emergere alcune piccole problematiche, in particolar modo in mattinata per chi, per lavoro o studio, ha dovuto uscire di casa. «Dopo una prima passata di sale mercoledì, ne abbiamo fatta una seconda verso le 9 visto che in alcune aree l’asfalto era una lastra di ghiaccio - spiega il vicesindaco Giorgio Grandi - la zona più problematica è risultata quella che da Sorbara, le cave Baresi, arriva fino a Canneto. Nel pomeriggio siamo riusciti a usare i mezzi con le lame e gli spalatori hanno pulito buona parte delle strade comunali e il centro». In molti sono stati quelli che nell’asolano si sono messi al lavoro: «Noi ci siamo occupati in mattinata della pulizia, prima, e dello spargimento di sale, poi, in tutto il centro storico - dice Matteo Peaffrini, presidente della Protezione Civile di Asola - la situazione è sotto controllo».

Anche Castel Goffredo gli abitanti hanno dovuto combattere non poco con le strade, restate sporche fino a mattina inoltrata. Un’auto si è ribaltata alle 6 a Guidizzolo, sulla Sp 10 tra Medole e Ceresara. A Castiglione delle Stiviere, in piazza Dallò, un uomo di 88 anni è stato soccorso ed è finito all’ospedale dopo che è scivolato a terra, ferendosi.

Neve, a passeggio nella Mantova imbiancata In giro per la città che si è risvegliata coperta di neve. Domani, venerdì 2 marzo, tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado resteranno chiusi. L'articolo


Notevoli disagi a Curtatone. Fin dal primo mattino i cittadini hanno subissato di telefonate l’ufficio tecnico del municipio, sollecitando la pulizia delle strade. Altri abitanti hanno preferito sfogarsi sui social network, pubblicando centinaia di commenti di protesta. «Il piano neve non ha funzionato – sottolineano molti residenti – Nonostante i preavvisi e l’allerta meteo in corso da giorni, il Comune si è fatto trovare impreparato. Gli spazzaneve si sono mossi in ritardo e di sale ne è stato gettato pochissimo».

leggi anche:

Una foto su Facebook mostra l’ingresso della scuola elementare di Montanara avvolto dal ghiaccio. «All’una, quando i bambini sono usciti, la strada ed il marciapiede erano ancora sporchi» protesta un genitore. Dal Comune, però, fanno sapere che è stato fatto tutto il possibile. «Ha nevicato per buona parte della giornata – sottolineano i funzionari dell’ufficio tecnico – e i mezzi spazzaneve hanno continuato a pulire. Il sale è stato sparso sugli incroci, sulle curve e sulle rotatorie. Non potevamo versarlo dappertutto. Purtroppo alcuni cittadini pretendono miracoli. A loro non bastano efficienza ed impegno. C’è persino chi ci ha chiesto d'intervenire sui vialetti privati».

leggi anche:



A Rodigo spazzaneve e mezzi spargisale sono entrati in azione alle 5 e hanno continuato a battere le strade fino al tramonto. Impegnato negli interventi di pulizia anche l’assessore Luciano Chiminazzo: «La neve è caduta per tutta la mattinata, perciò abbiamo dovuto passare più volte a ripulire, insistendo sulle vie principali. Qualche disagio è stato segnalato nelle zone periferiche, dove siamo riusciti ad intervenire solo nel pomeriggio. Nel complesso, però, tutto ok». (r.n., a.p.,m.p., g.p., v.b., r.l.,v.g.)


 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro