Quotidiani locali

l'impegno

Mantova liberata dalle rotaie. C’è l’accordo Comune-Rfi

L’impegno: sei mesi per tracciare un percorso nuovo per la Mantova-Monselice. Palazzi: «Una firma cercata per 50 anni, ma il risultato lo vedrà un altro sindaco»

MANTOVA. Ora non è più solo un’ipotesi dichiarata alla stampa o auspicata nel corso di un’intervista. Il piano per smantellare i binari ferroviari della tratta per Monselice, che formano una strozzatura all’ingresso principale a sud della città, è un’intesa sottoscritta formalmente da Comune e Rete ferroviaria italiana del gruppo Fs.

L’impegno della società ferroviaria è di realizzare entro sei mesi uno studio di fattibilità per la valutazione dei costi e dei tempi per realizzare il tutto. Non solo. L’accordo prevede anche la costruzione di un sottopasso pedonale in piazza don Leoni per la stazione ferroviaria. E se per il primo mega progetto, comprensibilmente, nessuno si sbilancia in questa fase embrionale su tempi e costi, per il sottopasso di piazza don Leoni il sindaco Mattia Palazzi annuncia di voler inserire il cofinanziamento che il Comune garantirà per l’infrastruttura già nel bilancio del 2019.

Mantova, via le rotaie dalla città. Palazzi: "E' un giorno storico" C’è l’accordo Comune-Rfi. L’impegno: sei mesi per tracciare un percorso nuovo per la Mantova-MonselicePalazzi: "Una firma cercata per 50 anni, ma il risultato lo vedrà un altro sindaco" (video Nicola Saccani)


Per la prima volta c’è un impegno formale della società ferroviaria per liberare Mantova dalla cinta che la imprigiona a ovest e sud. L’intervento comprende un ampliamento della carreggiata tra Porta Cerese e via Parma. Non a caso il sindaco Mattia Palazzi ha scelto di indire subito una conferenza stampa con Pier Paolo Olla, direttore territoriale produzione di Rfi, per apporre le due firme davanti a macchine fotografiche e telecamere.

«Da oltre cinquant’anni la città aspettava che dalle speranze si passasse ai fatti - ha detto - abbiamo fatto il primo importantissimo passo. La strada è lunga e difficile, ma oggi abbiamo sbloccato ciò che era fermo da sempre. Finalmente Rfi ha scritto nero su bianco che condivide l’obiettivo e si impegna in soli sei mesi a studiare il tracciato alternativo. Il risultato lo vedrà un altro sindaco». L’accordo nasce da una relazione inviata dal Comune alla società ferroviaria con la descrizione di problemi legati alle infrastrutture Rfi. «Abbiamo dedicato questi primi incontri a individuare ciò che si può fare e ciò che richiede invece altri approfondimenti - dice il sindaco - ma soprattutto a stabilire le priorità. Ovviamente al primo posto c’è la tratta ferroviaria per Monselice. Una volta smantellata, toglieremo tre passaggi a livello e terremo lontano il traffico merci dalla città e da Palazzo Te. L’accordo prevede l’istituzione di un tavolo tecnico per definire il programma degli interventi. Preciso che coinvolgeremo in questa fase anche la Provincia, quale ente coordinatore, e i Comuni che potrebbero essere interessati al nuovo tracciato, vale a dire Porto Mantovano, Bigarello e San Giorgio».

Nel corso della conferenza stampa in sala giunta Palazzi e Olla hanno spiegato i termini dell’intesa. «Abbiamo fatto due riunioni nel giro di 15 giorni - spiega Olla - e ovviamente sarebbe fuorviante parlarvi di tempi e di percorsi. Posso dire che la soluzione alternativa al tracciato attuale della tratta per Monselice è grosso modo sulla direttiva Mantova-Verona. Ma dobbiamo studiare un percorso preciso, cosa che richiede tempo».

In effetti, la rapidità con cui si è arrivati ad un impegno così preciso da parte di Rfi sul nodo del tracciato ferroviario per Monselice è sorprendente. Non solo se ne parla da molti anni, ma i tentativi del passato erano rimasti lettera morta. Lo stesso Olla, tuttavia, spiega che l’intento, per le ferrovie, non è solo quello di portare indubbi miglioramenti infrastrutturali a Mantova. A Rfi interessa molto la possibilità di potenziare il nodo ferroviario della città. «Il progetto è coerente con la più ampia strategia di sviluppo logistico del Paese, che vede Rfi impegnata nell’obiettivo di adeguare la rete agli standard internazionali dei Corridoi europei TEN-T, per incrementare il trasporto merci su ferro - spiega - La variante in questione renderebbe più fluida e attrattiva per le merci la linea Piacenza - Cremona - Mantova -Monselice». Prossimo vertice sarà a Roma. «Non molleremo il nostro obiettivo» promette Palazzi.
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro