Quotidiani locali

maltempo

Arriva la pioggia gelata. Chiusa l’Autobrennero

Auto e camion si riversano su statali e provinciali: traffico in tilt a Ostiglia. Dopo i problemi di giovedì le strade sono pulite. Oggi riaprono le scuole

MANTOVA. Seconda giornata consecutiva di neve e di ghiaccio, ma questa volta i disagi maggiori per la viabilità sono stati sull’Autobrennero. Ieri a causa del gelicidio, la pioggia gelata che, cadendo al suolo, forma un pericoloso strato scivoloso l’autostrada è rimasta chiusa a più riprese tra le 8.30 e le 11.30. Dall’incrocio con la A4 a Verona e fino all’intersezione con la A1 a Campogalliano (Modena) la A22 ha rischiato di trasformarsi in una trappola per automobilisti e autotrasportatori. Per questo è stato deciso di vietare gli ingressi ai caselli, consentendo solo l’uscita dei veicoli. Alle 8.30 è scattata la prima chiusura dell’intero tratto tra Verona e Campogalliano. Due ore dopo, quando il fenomeno atmosferico si è fermato, è stata riaperta la corsia nord, mentre è rimasta chiusa quella sud. Alle 11.30 l’allarme pioggia ghiacciata è cessato e l’autostrada è tornata percorribile in entrambe le direzioni.



A Ostiglia, ieri mattina, si sono avute le conseguenze maggiori della chiusura della A22. Il traffico che da Verona doveva raggiungere Modena e viceversa si è incanalato lungo la statale del Brennero e nel paese di Cornelio Nepote e ha creato lunghe code al semaforo che regola l’incrocio tra la statale e la circonvallazione. Una lunga teoria di auto e Tir si è allungata per un chilometro dal ponte sul Po sino al centro abitato e dalla stazione dei treni sino all’incrocio del Barachìn. A un certo punto è dovuta intervenire la Polizia stradale per regolare il traffico che si era fatto caotico.

In mattinata a causa della pioggia ghiacciata è rimasta chiusa per circa tre ore (dalle 9 a poco prima di mezzogiorno) anche l’autostrada A1 da Milano a Sasso Marconi (Bologna).

Sulla viabilità ordinaria, nel Mantovano, la circolazione ha registrato meno difficoltà rispetto alla giornata precedente. I mezzi della Provincia lungo i 1.100 chilometri di competenza e quelli della Tea nei sei Comuni in cui gestisce il piano neve, sono intervenuti per ripulire le strade. Dopo la salatura completa della sera prima, i mezzi delle ditte convenzionate con la Provincia, nel corso della notte e fino alle 10.30 di ieri mattina, hanno ripreso le operazioni di sgombero e di pulizia delle strade dalla neve caduta anche in serata. Ieri sera, in previsione dell’abbassamento della temperatura, è stata effettuata un’altra salatura sotto la vigilanza di tecnici e operai del Servizio gestione e manutenzione stradale dell’area lavori pubblici e trasporti, il cui personale rimarrà in stato di allerta sino a emergenza finita.

Anche nei sei Comuni gestiti da Mantova Ambiente (Mantova, Roverbella, Roncoferraro, Marcaria, Pegognaga e Gonzaga) di notte era stata ripetuta la salatura fatta il giorno prima. Ieri sono state rifinite alcune zone (ciclabili e parcheggi) dove la neve caduta nella notte aveva creato un leggero strato di ghiaccio; in serata è stato ripetuto un trattamento antigelo sui percorsi principali.

In alcune zone della provincia, tuttavia, si sono registrate code delle polemiche del giorno prima per il mancato intervento di lame e spargisale. In particolare, ieri nel mirino sono finite la provinciale Gazzuolo-Viadana, alcune strade interne del Comune di San Giorgio e le rampe dell’argine a Motteggiana.

Il gelicidio ha provocato alcuni incidenti stradali un po’ ovunque, senza gravi conseguenze per le persone. Il più spettacolare è stato sull’Ostigliese, alle porte di Mantova: un maxi tamponamento tra un pullmino, una corriera dell’Apam e un Suv. Nove i feriti. Molte anche le cadute di anziani, scivolati sui marciapiedi ricoperti di ghiaccio e non puliti dai frontisti. Il pronto soccorso dell’ospedale Poma ha registrato molti ricoveri per fratture.

Regolare la circolazione dei treni dopo il caos del giorno precedente e garantiti, dunque, i collegamenti di Mantova con le città vicine di Verona, Modena e Parma, oltre che con Milano e Bologna.

Dopo una giornata di chiusura oggi le scuole di ogni ordine e grado riaprono i battenti. In particolare, tornano in classe gli studenti delle Superiori visto che quelli delle medie e delle elementari proseguiranno la vacanza (fino a martedì) per dar modo di allestire nelle aule i seggi elettorali.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro