Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Paura per il fuoco dalla canna fumaria a Luzzara

Momenti di paura intorno alle 11.30 per alcune lingue di fuoco uscite da un camino di “Casa Cantelma”, una bella villa situata in via Nazionale 267, a Codisotto di Luzzara

SUZZARA. Momenti di paura intorno alle 11.30 per alcune lingue di fuoco uscite da un camino di “Casa Cantelma” una bella villa situata in via Nazionale 267, a Codisotto di Luzzara (Re) a poche centinaia di metri dal confine con il territorio mantovano.

Patrizia Mossini, padrona di casa, ha sentito odore di fumo e quando si è recata in cucina è stata avvolta da una nebbia fumogena. La donna poi si è precipitata al piano superiore per cercare di capire l'origine del fumo, ma non è riuscita a ve ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SUZZARA. Momenti di paura intorno alle 11.30 per alcune lingue di fuoco uscite da un camino di “Casa Cantelma” una bella villa situata in via Nazionale 267, a Codisotto di Luzzara (Re) a poche centinaia di metri dal confine con il territorio mantovano.

Patrizia Mossini, padrona di casa, ha sentito odore di fumo e quando si è recata in cucina è stata avvolta da una nebbia fumogena. La donna poi si è precipitata al piano superiore per cercare di capire l'origine del fumo, ma non è riuscita a vedere nulla di sospetto. E allora è salita fino al solaio dove ha visto che alcuni travetti situati proprio sotto la carta catramata erano anneriti. A quel punto è scesa al piano terra per chiamare il 115. Sul posto sono arrivate due squadre di vigili del fuoco: una da Suzzara e l'altra da Guastalla. I pompieri, saliti sul tetto, si sono subito portati a ridosso del camino, vicino alla grondaia, dove hanno iniziato a smuovere le tegole per arrivare alla parte di tetto fumante. La causa del principio d'incendio sarebbe da addebitare al surriscaldamento della canna fumaria che, poi, a sua volta, ha intaccato la carta catramata che funge da isolante.

L'intervento dei vigili del fuoco, preciso e tempestivo, ha scongiurato che il fuoco si propagasse al tetto. Tutto è durato meno di un'ora. La copertura della casa non ha riportato gravi danni e dunque è tuttora agibile. «Non ho capito che cosa stesse succedendo. - ha detto Patrizia Mossini - Quando ho visto il fumo in cucina, sono uscita per controllare la parte esterna e il tetto della casa. Mi sono spaventata quando ho notato alcune lingue di fuoco uscire dal camino così ho chiamato subito i vigili del fuoco».