Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

«Qui c’è solo degrado», i negozianti del centro commerciale di Suzzara protestano

Viaggio nel centro commerciale Po, ormai semi-abbandonato. Chi è rimasto chiede interventi urgenti contro i furti e i vandalismi

La spaccata nel negozio di telefonia a Suzzara: furto da 25mila euro

SUZZARA. I pochi commercianti che hanno l'attività all'interno della piazzetta del centro commerciale Po di via Mitterrand, circondato da appartamenti chiusi e sfitti, stanno cercando di sopravvivere al degrado e ai furti. L’ultimo soltanto ieri ai danni del negozio di telefonia.

Il proprietario di un negozio che tratta prodotti per la salute e il benessere, per motivi di sicurezza, decoro e di immagine della struttura commerciale ha scritto all'amministratore condominiale e ai vertici di Coop Alleanza 3.0 per sollecitare una serie di interventi per ovviare al degrado. Da quando è stato realizzato il centro commerciale sono stati tanti i negozi, tra cui gelaterie, pizzerie, cambio oro, abbigliamento 0 -16 anni, intimo che hanno aperto attività per poi chiuderle entro pochi mesi.



La struttura commerciale di via Mitterrand era stata costruita dalla società "Città Giardino" che, a causa di difficoltà economiche, non ha terminato alcune opere di urbanizzazione secondaria. Parte dell'immobile ora è nelle mani di un curatore fallimentare. Alcuni mesi fa sono andati all'asta una serie di appartamenti, venduti, ciascuno, a poco più di 10mila euro. I titolari di esercizi che hanno attività al centro commerciale Po continuano a lamentarsi per la sporcizia. Nella piazzetta interna dove ci sono molti negozi sfitti, coperti da vetrofanie, sopra i quali ci sono decine di appartamenti vuoti. Sono solo i piccioni e i topi a farla da padrone e purtroppo, la loro presenza crea gravi disagi a causa degli escrementi lasciati in tutta l'area.

Inoltre, l'estate scorsa, sono dovuti intervenire i carabinieri per limitare gli schiamazzi di alcuni ragazzini che usavano il parcheggio soprelevato come pista da skateboard. I quadri che contengono le manichette antincendio e i contatori del gas, sono stati tutti vandalizzati. Le scale sono aperte e sporche. Al piano di sopra è come se ci fosse un cantiere edile in attività. Non mancano le lamentele anche sulla sicurezza a causa dei continui furti. Alcune settimane fa i ladri hanno svaligiato l'edicola-tabaccheria “Il Girasole”, lunedì notte è toccato in invece al negozio “Mediaphone” dove sono stati razziati smartphone, tablet, pc e tv di nuova generazione.

«E' come se ci fossero due mondi - ha detto una commerciante - Davanti il giro di gente, parcheggi affollati; dietro sporcizia, muffa, erbacce, escrementi, cartacce e lattine abbandonate sulle mensole dei box dei contatori di gas dove gli stranieri che chiedono l'elemosina davanti alla farmacia al Brico e ai carrelli della spesa, bivaccano all'ora di pranzo».