Quotidiani locali

Il personale torna dall’Unione ai Comuni

Il trasferimento dei dipendenti di San Martino, Gazzuolo e Commessaggio a Terre d’Oglio dura 2 mesi

OGLIO PO. Salta dopo soli due mesi il trasferimento del personale alla Unione di Comuni Terre d'Oglio formata da San Martino, Gazzuolo e Commessaggio.

Tanto lavoro per nulla? I sindaci comunque tranquillizzano e nelle delibere di giunta di San Martino e Gazzuolo parlano di necessità di riorganizzare prima le piante organiche dei Comuni e in particolare di considerare le cessazioni avvenute per cessazioni o mobilità. Preoccupato invece il consigliere di minoranza di San Martino e dell'Unione Gerolamo Pasin, secondo il quale la venuta a meno di questo passaggio qualificante significa che qualcosa non va tra i Comuni. Secondo lui sarebbe stato detto in altre occasioni che le piante organiche delle Unioni per nuove assunzioni o nel caso di sostituzioni per cessazioni sono favorite rispetto a quelle dei Comuni.

Il timore di Pasin è che l'Unione resti in piedi solo per il vantaggio di accedere a contributi regionali più che per una nuova organizzazione che miri alla razionalizzazione dei servizi.

La gestione del personale del resto in tutte le Unioni è piuttosto delicata. Rivarolo ad esempio uscì dopo anni dall'Unione Foedus essenzialmente su questo problema perché sarebbe stato tenuto a versare in eccesso rispetto a quanto aveva di ritorno. L'Unione di Comuni Terre d'Oglio è stata istituita nel 2014. Dall'1° luglio 2017 sono passati in Unione i vigili (che tutt'ora restano), mentre tutto il personale è transitato l'1° gennaio 2018. Cosa non di poco conto anche per gli uffici. Ha reso necessaria la previsione di bilancio dell'insieme dei dipendenti, ha obbligato a nuovi contratti di lavoro per tutto il personale, l'apertura di nuove posizioni di lavoro ai singoli enti (Inps o Inail), l'elaborata rendicontazione agli organi superiori dove i dipendenti compaiono a secondo dei dati anagrafici e di servizio, gli inquadramenti, ferie godute, retribuzioni divise secondo le voci che lo compongono e se sono coperte da entrate e da chi (ad esempio i compensi elettorali o per qualche rilevazione a carico dei vari enti), i contributi e le tasse, tutto che deve corrispondere coi macro dati a bilancio.

Un lavoro complesso che andrà fatto per due mesi dall'Unione e per il resto dai Comuni. Una decisione che farà tornare in consiglio i bilanci come quello di San Martino dall’Argine per ripristinare le spese del personale iscritte nei trasferimenti all'Unione. (a.p.)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro